visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
24.07.2006
ISTERISMI PENDOLARI
Storia di sopravvivenza ferroviaria
Autore: Pigi

"Azzurro, il pomeriggio troppo azzurro" se la cantava il ragazzo della via Gluck, dicendo che lui quasi quasi il treno l'avrebbe preso per raggiungere la sua bella.
"Quasi quasi", per; perch la realt ben altra.
Neanche se gli avessero regalato il biglietto, sarebbe salito su quel treno, perch la vita di chi ogni giorno si affida alle ferrovie fatta s di tanti colori, ma certamente non l'azzurro.
E' infatti buio pesto, quando il pendolare si alza dal letto, perch il suo treno parte all'alba, cos all'alba, che il sole si gira dall'altra parte quando sente la sveglia.
Ed sempre buio pesto, quando in punta di piedi, costretto a sgattaiolare tra cucina, bagno e camera da letto come un Diabolik in pigiama, evitando di accendere la luce o di respirare troppo forte, per non destare chi sta ancora russando profondamente.
Ma il pendolare non vive di solo silenzio, infatti, la prima parola della giornata, il pendolare la articola non appena uscito di casa. E' proprio l, mentre sta per salire in macchina, che il pendolare parla, anzi, bestemmia, non appena si accorge di aver indossato nel buio di casa una scarpa da tennis e un mocassino pitonato della moglie, al posto delle classiche calzature di cuoio inglese. E per giunta entrambe sinistre!
Ma la moda l'ultimo dei suoi problemi, perch l'aver imprecato gli costato secondi preziosi, secondi vitali che potrebbero fargli perdere il treno.
E cos il pendolare, un occhio sull'orologio e uno sulla strada, sfreccia a tutto gas per le vie desolatamente vuote della citt, bruciando semafori rossi, ignorando precedenze e sfiorando pi volte la barriera del suono.
Che vita, quella del pendolare! Una vita sempre al limite.
Ma mai priva di certezze, e che puntualmente si dimostra tale ogni stramaledetto giorno.
E' certezza, infatti, che il microscopico parcheggio della stazione risulter immancabilmente pieno, costringendo il pendolare ad abbandonare il suo mezzo in doppia, se non tripla fila; cos come altrettanto certo che al suo ritorno, la macchina dovr recuperarla dalla polizia municipale.
Se al parcheggio intasato ormai ci ha fatto l'abitudine, non altrettanto al suono metallico di una voce registrata, che gli d il benvenuto non appena mette piede sul binario, annunciando puntualmente che il diretto per Milano arriver con quindici minuti di ritardo circa. Ed quel "circa" che lo spaventa, una parola che nel vocabolario ferroviario pu significare che quel convoglio non si sa quando e se mai giunger a destinazione.
Al pendolare non rimane quindi che aprire bocca per la seconda volta nella mattinata e imprecare; imprecare e poi aspettare.
Finalmente il treno arriva; i minuti di ritardo sono pi di quindici, ma fortunatamente solo minuti e non ore.
Dall'esiguo numero di vagoni che gli sferragliano davanti, subito chiaro al pendolare e alla massa di persone stipate sul binario, che su quel treno i posti a sedere saranno occupati solo dai pi forti della specie.
Allo sbuffare pneumatico delle porte dei vagoni, quel binario che fino a pochi attimi prima era niente di pi che una stretta lingua di cemento grigio, si trasforma improvvisamente in un vociante e caotico vicolo di Pamplona durante la festa di San Firmino.
Distinti uomini in giacca e cravatta si fanno largo sgomitando, gentili vecchine roteano la borsetta come valchirie dotate di mazza ferrata, mentre imberbi studenti lanciano i loro zaini come proiettili per occupare un sedile.
E quando sembra che possa scapparci il morto, tutto gi finito, l'adrenalina svanita, mentre sulle pareti in lamiera dei vagoni riverbera l'eco lamentoso degli esseri inferiori, che dovranno affrontare tutta la durata del viaggio in piedi.
Il pendolare, ormai veterano di mille battaglie, non certamente tra questi.
E' riuscito a sistemarsi vicino al finestrino, e sta gi cercando di assopirsi, di recuperare un po' del sonno perduto, perch chi pendolare sa che il tempo prezioso e non va sprecato.
Ma dormire in treno un'impresa. Anche per uno avvezzo come lui.
Ogni volta che prossimo a sprofondare nell'incoscienza, c' sempre qualcuno o qualcosa che lo riporta alla veglia.
Dapprima il classico studentello metal che ascolta il walkman ad un volume tale che tutta la carrozza riconosce gi dai primi assolo di chitarra l'ultimo CD dei Metallica.
Poi c' il vicino di posto, che nei venti minuti iniziali di viaggio sfoglia la Gazzetta dello Sport con la stessa delicatezza usata da una sega elettrica nel tagliare un pino secolare, e nei restanti quaranta, fomenta una discussione sui continui favori arbitrali concessi alla Juventus, dai toni cos accesi che quasi ci scappa una rissa nel vagone.
Quindi il turno del controllore, lo sceriffo dei binari, che meglio starebbe su una spiaggia di Riccione a vendere cocco, piuttosto che a gridare ripetutamente e a squarciagola "BIGLIETTI!" nella carrozza, ben sapendo che l'80% dei passeggeri sono sempre gli stessi abbonati che da venti anni a questa parte prendono lo stesso medesimo treno.
Ed in ultimo arriva il freddo, un freddo bestia, da far sentire i viaggiatori come quarti di bue in cella frigorifera e da far loro pensare che la prossima fermata sar quella di Lapponia Centrale. Invece solo il condizionatore, che quelle poche volte che funziona, funziona cos bene che tre quarti dei passeggeri si accalcano in coda per l'unica toilette del convoglio, colpiti da attacchi di meteorismo. Ma il pendolare, avvezzo alla sopravvivenza ferroviaria, non tra loro, perch lui la Gazzetta dello Sport ce l'ha sempre a portata di mano, non per leggerla, ma come isolante termico da infilare sotto la giacca.
E cos, mentre il treno infila roboando l'ultimo tunnel prima di giungere a destinazione e nel cielo si leva stancamente un sole rosso e visibilmente ancora insonnolito, lo sguardo apparentemente sereno del pendolare si perde oltre il vetro del finestrino.
Ma c' un tarlo che gli rode il cervello.
Quel tarlo certamente non dovuto alla reazione del suo capo all'ennesima giustificazione di ritardo provocato dal treno.
Bens ad una domanda.
Che cosa causer il ritardo del treno di stasera?
Il solito sciopero sindacale (La Cisl? La Cgil? L'Orsa? Il Bue grasso?)?
O il solito pirla che decide di farla finita, buttandosi proprio sotto i binari del suo treno?

PIGI [pigi@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [11 commenti]

Che è, la rivolta degli schiavi?

Del | 27.07.2006  14:13 

Dai Pigi non fare così... In fondo lo sanno tutti che sei un pilastro dell'Associazione! Domani allora come al solito vai a montare lo stand... mi raccomando alle 2 in piazza duomo a Cremona sotto il sole cocente...

French | 26.07.2006  19:53 

E così questa sarebbe la prima volta che mi rendo utile!?!? Buono a sapersi! Vorrà dire che domani lo stand di Tapirulan lo monterai TU per l'ultimo Giovedì D'Estate! SGRUNT!

pigi, il permaloso | 26.07.2006  12:08 

Potrei scrivere un libro intero sulle mie disavventure a bordo dei treni... tra l'altro grazie a questo articolo mi è venuto in mente che devo pagare una multa presa tra Modena e Bologna... Grazie Pigi, è la prima volta che ti rendi utile!

french | Homepage | 25.07.2006  13:21 

Che bello non andare in treno al lavoro.

Del | 25.07.2006  13:03 

Però ricordiamoci una cosa.
Se Celentano ha raggiunto il successo con Azzurro, il merito è tutto di Paolo Conte, autore della canzone.
Treni treni treni
Le occasioni sono treni
Sono treni anche i ricordi se vuoi

fratearrigo | 25.07.2006  07:55 

Nonostante i tanti, troppi lati negativi, il prendere il treno regolarmente un aspetto positivo ce l'ha. La gente. A volte non ci si immagina come nelle situazioni più fastidiose, tipo un treno che ti lascia a piedi nel mezzo della campagna cremonese, si possa conoscere tanta di quella gente quasi da non crederci. E come le differenze si annullino tra due rotaie di ferro: avvocati, studenti, mogli, vù cumprà e soldati, tutti uguali e solidali....nella sfiga.

pigi | 24.07.2006  23:44 

Ho scoperto con grande sorpresa e orgoglio che Casiraghi è CT della Under....e allooooraaaaaaaaa!!!!!

pigi | 24.07.2006  23:36 

Sul Trenino dell'Ammore, chiunque puo' fare la locomotiva!! ;-)

Porkettaro | Homepage | 24.07.2006  17:32 

se celentano quasi quasi prendeva il treno, i madness aspettavano un treno che non arrivò mai ('the ghost train'). addirittura un certo bradshaw (ok lo ammetto... ho guardato su internet), in linea con quanto leggo accadere sul CR-MI, conosceva la sua bella...
Train kept a-rollin' all night long
I'm in heat, I'm in love,
But I just couldn't tell her

...ma soltanto il buon vecchio guccini può far assurgere il treno a quell'evocativa metafora d'evasione, così necessaria per fronteggiare questa canicola estiva che ci strappa di dosso ogni velleità motoria e cogitante,
ah, il treno è sempre così banale se non è un treno della prateria
o non è un tuo "Orient Express" speciale, locomotiva di fantasia.
('argentina', ma... sì, è vero... sembra proprio che parli del galaxy 999...)

ufj | 24.07.2006  17:06 

I pendolari del Love Train non hanno di questi problemi!
Sul CR-MI, anche quando ci sono 10', 20', 30' di ritardo.. si trova sempre qualcosa di bello da fare.
E comunque, NOI siamo così avanti che un po' di ritardo non fa altro che portarci al livello dei mortali.

Non c'entra niente, ma Pigi Casiraghi è il nuovo Cittì della Under. Sei contento?

porkettaro | Homepage | 24.07.2006  16:15 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata