visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
21.08.2006
ESTATE
Autore: Andrea

Se vi sono creature che possono definirsi "estive", queste sono le ragazze. Esse hanno un rapporto particolare con l'estate, o probabilmente con tutte le stagioni. Il loro essere femminile, il profondo rapporto con la vita le permea fino in fondo e dona loro uno stretto legame con la natura e con la sua ciclica evoluzione. Per questo, con l'arrivo dell'estate, con il sole che si fa sempre più mattiniero e che non vuole mai andarsene a dormire, con le nuvole che cercano di migrare in posti freddi e lasciano il cielo terso e brillante, insieme all'erba, ai fiori ed ai frutti sbocciano anche loro.

Non è certo la mia prima estate eppure non ho ben capito come accada. Fino al giorno prima uscivo con gli amici ed ogni bar ed ogni strada era solo un'accozzaglia di uomini che vagava senza meta o tutt'al più si radunava di fronte al bancone presieduto da un'inerme cameriera. Ma basta un solo raggio di sole, un piccolo scatto della colonnina di mercurio perché il paesaggio cambi completamente. Giovani donne spuntano ovunque. Da sole o in gruppi le incontro in ogni angolo e più mi stupisco di vederne una più mi accorgo di quante ve ne siano. Il mondo si popola di dolci ragazze che ridono, passeggiano e sfrecciano in bicicletta. Non faccio in tempo ad uscire di casa che una di loro sbuca dall'angolo più vicino suonando il campanello e con agili pedalate è già scomparsa alle mie spalle. Indossa qualcosa che può essere riconducibile al costume da bagno o alla biancheria intima o più probabilmente ad un paio di calzoncini cortissimi ed una canottiera altrettanto risparmiosa. I capelli biondi ed umidi sono lasciati sciolti lungo il corpo e liberi di disegnare le sue ciclistiche traiettorie. Frugo nella mia memoria per ricercare quei pochi fotogrammi che devono essere rimasti impressi nella mia mente ma ciò che trovo è molto sfumato e tale mancanza m'intristisce. Ma se questo può essere un problema in qualunque stagione, di certo non lo è d'estate. Ogni giorno che passa queste creature misteriose si moltiplicano sotto i miei occhi. Queste veneri che nascono dalla spuma del mare ma anche dei laghi, delle piscine e dei torrenti montani hanno il sopravvento sui miei pensieri quotidiani. Hanno lunghe gambe che l'occhio non riesce a misurare e mani delicate da stringere al volo. Occhi brucianti di cui non si può sostenere lo sguardo e labbra suadenti che lasciano senza parole. Il loro alzare un bicchiere o appoggiarsi ad una ringhiera, allacciarsi un sandalo o infilarsi una matita tra i capelli non è più un semplice gesto. C'è qualcosa dietro quel movimento che non riesco a cogliere ma che mi lascia incantato con lo sguardo perso ed un leggero senso di vertigine.

Ma se tutto questo sembra donarmi un dolce piacere e smuovermi dal solito torpore, presto bisogna fare i conti con la realtà. Quando passo lungo la strada e l'asfalto mi si incolla ai piedi, quando molte ore di lavoro mi separano da un meritato riposo, quando sono fermo al semaforo e mi guardo attorno allucinato, quando ho una ridottissima pausa pranzo e devo correre nel bar più vicino per un panino veloce, insomma quando proprio non c'è tempo per niente mi ritrovo accerchiato, minacciato, attentato nella sanità mentale. Allora quella ragazza che siede al tavolino sembra sempre alzare gli occhi e sorridere proprio a me mentre quella di spalle che ancheggia leggermente sembra attendere una mia mossa. Le commesse m'invitano, le cicliste mi salutano e le gonne svolazzanti mi consigliano di mettermi seduto. Il caldo dell'estate inoltre mi toglie ogni forza e soprattutto la volontà. Non c'è rimedio né possibilità, vano è resistere e mantenere la lucidità. Non posso salvarmi facendo una doccia gelata perché l'acqua che scorre mi ricorda la pelle abbronzata e umida delle bagnanti, non posso rinfrescarmi davanti ad un ventilatore perché l'aria è la stessa che scuote le loro chiome fluenti, non posso alzare gli occhi al cielo perché una dolce fanciulla cinta solo da un asciugamano striminzito stende la propria biancheria sul balcone. La natura tanto generosa con queste ragazze a tal punto da renderle pericolose mi ha reso privo di ogni difesa, sospinto in ogni direzione in balia delle passioni e dei sentimenti senza più ragionare ed ascoltare il capo che mi sta spiegando quali saranno i miei compiti nel pomeriggio, senza la forza di pensare o semplicemente di guardare altrove, magari alla strada prima di sbattere più volte la testa contro un semaforo.
E se proprio cercassi di sfuggire e rintanarmi in qualche bar, magari con la scusa del caldo e dell'ombra, solo per capire se sono in grado di proseguire o se sto per scoppiare, ecco la dolce barista che appoggia i gomiti sul bancone e protende il busto in avanti verso di me. Mi guarda e mi sorride, si sposta i capelli dalla guancia e mi chiede del tempo o del lavoro o non so di cos'altro perché ormai non sto più ascoltando. E allora se è una trappola, se questo gioco era già stabilito fin dall'inizio e a me restava solo da decidere dove e quando capitolare perché l'epilogo era comunque scontato, c'è poco da fare. Cerco dunque di guadagnare una posizione eretta, magari senza barcollare o dare segni di evidente debolezza o sopraffazione e infine, respirando due o tre volte profondamente, mi avvicino a lei e le chiedo: "Scusa... mi dai un gelato".

ANDREA [arivieri@yahoo.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [5 commenti]

Beh...davvero bello questo racconto. Tanti tanti tanti complimentoni! :)

betty | 01.09.2006  09:55 

ONORE.

Porkettaro | Homepage | 31.08.2006  21:41 

ma quanta poesia...... sei bravissimo complimenti

aleanna | 31.08.2006  15:27 

Condivisibile, direi.

fratearrigo | 28.08.2006  10:53 

Onore all'ultimo degli stilnovisti.

Del | 21.08.2006  09:44 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band più media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La città degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata