visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
22.11.2006
LE AVVENTURE DEL GIOVANE ARAGORN - 3
Tre metri sotto terra
Autore: Pigi

Prima che l’attuale re di Gondor fosse consapevole del proprio regale destino…

Prima che l’amore con la bella Arwen sbocciasse…

Prima che la leggenda della Compagnia dell’Anello echeggiasse nella Terra di Mezzo…

Prima che il nome di Gran Passo fosse pronunciato dalle labbra di uomini, nani, elfi e hobbit…

Insomma...primaaaaa…


C’era un tempo in cui uno scanzonato ventenne di nome Aragorn, visse una tormentata storia d’amore con una meravigliosa elfa dagli occhi color ametista di nome Eleinor.

Eleinor era incredibilmente bella, più bella di quanto fosse possibile sognare, ed ogni volta che Aragorn la incrociava nei corridoi dell’università, il suo battito cardiaco si dimenticava di battere e la sua lingua si aggrovigliava quel tanto, da rendergli impossibile l’articolazione di un qualsiasi suono di origine umana.

Ma, si sa, la fortuna aiuta gli eroi, e durante la cena per i festeggiamenti delle imminenti vacanze invernali, il sangue di Gondor si ritrovò allo stesso tavolo, gomito a gomito con Eleinor.

La vicinanza non gli permise comunque di proferire parola con l’elfa, almeno fino a che Merry Potter lanciò uno dei suoi maldestri incantamenti. Quel deviato di un mago voleva dare dimostrazione della sua abilità nell’animare oggetti inanimati, ma quando si levò in piedi, facendo piroettare la sua bacchetta, si rese subito conto che l’incantesimo “Animus” non era andato a buon fine. Dal piatto della bella Eleinor, quello che fino a pochi istanti prima era stato un innocuo e fumante calzone di pizza, si era trasformato in un ringhiante golem di pizza. Eruttando mozzarella e pomodoro, il golem si levò minacciosamente sui suoi piedi di pasta e si lanciò all’assalto di Eleinor.

Fortunatamente per lei, Aragorn non era solo un maestro nell’arte della spada, ma soprattutto un fenomeno nell’uso di coltello e forchetta.

La reazione dell’erede di Gondor fu infatti così fulminea, che il golem non ebbe nemmeno il tempo di gridare, prima di terminare la propria vita nell’apparato digerente di Aragorn, in poco meno di due bocconi.

Ad imperitura memoria di quel giorno, i cantastorie di Elfonia narrarono le gesta del prode Aragorn di Gondor e di come egli avesse salvato la bella Eleinor dalle grinfie del perfido golem, tanto da fargli meritare la nomea di Gran Pasto, soprannome che nel corso degli anni a venire fu irrispettosamente storpiato in Gran Passo.

Grazie al suo coraggio, Aragorn conquistò l’eterna riconoscenza e le attenzioni di Eleinor, tanto che da quella fatidica cena a base di golem di pizza i due divennero inseparabili: chi alzava lo sguardo sulle chiome delle querce secolari, li poteva vedere camminare mano nella mano sui rami nodosi, oppure se li poteva ritrovare fianco a fianco alle rappresentazioni teatrali inscenate da Pidocchio, o magari mentre dividevano la stessa tavola al refettorio universitario.

Sebbene la primavera fosse ancora lontana, un nuovo amore era sbocciato all’ombra della millenaria foresta di Elfonia, e l’erede di Gondor era pronto a rendere eterno quel sentimento, compiendo un passo che mai si sarebbe immaginato di poter compiere per la sua giovine età: il matrimonio!

Aragorn svendette tutto il suo armamentario da avventuriero al monte dei pegni, e comprò un anello di matrimonio degno della mano della bella Eleinor.

Purtroppo per Aragorn, però, quella era una storia fantasy, non di fantascienza!

E così la bella Eleinor accettò sì la proposta di matrimonio, ma di un noto produttore televisivo, che le permise di recitare nella fiction “C.R. – Chierici in prima linea”.

Il giovane Aragorn invece sì ritrovò solo nel buio della propria stanza. L’anello rifiutato e l’acre odore di erbapippa di Pidocchio furono gli unici testimoni delle prime lacrime d’amore di Gondor.


[fine della terza puntata]

PIGI [pigi@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [3 commenti]

Il prossimo episodio, che farà rivoltare Tolkien per l'ultima volta nella tomba, darà un po' di sollievo alle pene amorose del giovane erede di Gondor...

pigi | 12.12.2006  11:20 

Fratearrigo, l'arte subdola di Pigi ti ha plagiato! Fermati finché sei in tempo, non leggere mai il quarto episodio!!!

Del | 23.11.2006  16:26 

Quella dell'erbapippa di pidocchio mi ha fatto troppo ridere...

fratearrigo | 23.11.2006  07:33 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata