visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
07.02.2007
AUTOBUS
Autore: lisabiggi

Mi sto appena riprendendo dai postumi di una salama, ma il forte odore d’ascella, misto al lieve ondeggiare del mio corpo pressato tra gli altri, non aiuta. I semafori in questi casi sono sempre rossi e l’autobus sembra impiegare un’eternità.

Un vecchietto si è preparato per scendere e aspetta da dieci minuti la sua fermata davanti alle porte chiuse. Alcuni ragazzi scambiano occhiate e commenti “da uomo” quando il vecchio scende e al suo posto s’infila una ragazza di quelle che la sanno lunga. Loro invece hanno tutta l’aria di essere appena usciti da un film di Carlo Verdone e smascellano quanto basta per mostrare i denti giallofumopatatine.

Cerco di sporgermi per cogliere qualche dettaglio familiare fuori dai finestrini e riconoscere la mia fermata, ma non riesco ad orientarmi. La signora seduta davanti a me si è già infastidita per il mio spostamento che deve averla turbata nell’intimo perché si è stretta la borsetta al cuore. Mi verrebbe da implorare ”Fermate l’autobus” ma sono a disagio e mi trattengo.

La salama è arrivata al capolinea ed io devo proprio scendere se voglio scongiurare il disastro, mi avvicino faticosamente alle porte tirandomi dietro lo zainetto che si blocca tra la gente e i sedili, ma alla fermata le porte non si aprono. Vorrei chiamare il conducente ma mi trovo in un equilibrio precario e temo il peggio aprendo la bocca. Un signore si fa strada tra la gente accatastata lungo il corridoio dell’autobus che ormai è diventato un ecosistema a se stante. Lo riconosco dal berretto: è il controllore.
La signora della borsa mi guarda con rimprovero, come se lo avesse già capito che io il biglietto non ce l’ho. Devo scendere. Devo scendere...

L’autobus riparte e riprende a singhiozzare nel traffico, il controllore si avvicina, la nausea sale velocemente e una raffica di brividi freddi mi paralizza la schiena. Ci sono. La signora, che continua ad osservarmi con sdegno, non è abbastanza veloce per capire, le prendo la borsa dalle ginocchia e mi libero d’un sol getto, lasciando anche gli altri passeggeri a bocca aperta.

Le porte a soffietto si spalancano: "Scusate. E’ la mia fermata."

LISABIGGI [lisa_biggi@yahoo.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [0 commenti]
Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pił media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La cittą degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata