visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
12.02.2007
LA RIVINCITA DI SAN VALENTINO
Autore: Pigi

Amore mio,

si dice che San Valentino sia la festa degli innamorati, ma sono in molti a sostenere sia solo un pretesto per spacciare sentimenti a buon mercato, sotto forma di rose e cioccolata.
A volte sa proprio essere cattiva la gente. Come se Natale fosse la festa di Gesù Bambino e non l'occasione per scartare pacchetti e pacchettini con le dita ancora unte per i cenoni ingurgitati, o Pasqua la celebrazione della crocifissione e della resurrezione, ma che non sarebbe la stessa cosa senza colombe mandorlate e uova al cioccolato ad imbandire le tavole.
Ho deciso di non essere ipocrita come la gente, e di festeggiare San Valentino e gli innamorati, perché tutti almeno una volta nella vita lo siamo stati, e il minimo che si può fare in questa occasione è ricordare chi è stato oggetto dei nostri sentimenti.
Mi auguro, quindi, che questa mia missiva non ti stupisca, almeno non quanto le sorprese di oggi.
Non te l'aspettavi, vero?
Tu che arrivi in centro, parcheggi la tua Mini e poi a piedi sino in negozio. E lì, sull'ingresso, le tue colleghe Sara e Paola ad accoglierti ansiose tra risolini invidiosi, perché tu, prediletta da Cupido, già alle otto di mattina hai un mazzo di fiori e una scatola di cioccolatini ad attenderti.
San Valentino è già arrivato, amore mio, più puntuale di un treno svizzero!
Lo stupore si dipinge sul tuo volto, mentre il tuo sguardo cade alternativamente su quei doni e le tue colleghe, quasi più curiose e trepidanti di te sull'identità del mittente.
- Non c'è nessun biglietto, ma è stato Mario - ti dicono sicure. D'altronde come potevano pensare fossi io?
- Che amore! -
Anche questo non mancano di aggiungere, sottolineandolo con un sospiro forse di frustrazione, per non essere state toccate dalla tua stessa fortunata sorte.
Perché per loro San Valentino non è arrivato.
Perché loro non hanno uno come Mario. E nemmeno uno come me.
Superata la sorpresa iniziale, stringi al petto le rose per assaporarne la fragranza, come un tempo stringevi me. E poi le conti. Un numero non casuale: dodici rose rosse a gambo lungo, tante quanti i mesi trascorsi con Mario.
Infine apri la confezione di cioccolatini. Boeri per la precisione: un sottile involucro di cioccolato a protezione di un'anima liquorosa. I tuoi preferiti, lo so bene. Chissà se lo sa anche Mario?
Ne assaggi uno, poi un altro. Un altro ancora. Buoni, vero?
- Deliziosi questi boeri – commenti, mentre li offri a Sara e Paola, credendo di condividere con le tue colleghe un regalo del tuo Mario.
A quest'ora Mario è sul cantiere e sai che non lo leggerà prima di pranzo, ma il tuo sms di ringraziamento non può aspettare e parte lo stesso dal cellulare. Ti conosco bene.
- Stasera avrai il mio regalo - gli prometti maliziosa, mentre il sapore dolce e corposo del cioccolato ti si scioglie in bocca, accompagnato dallo spirito voluttuoso del liquore, che si insinua in quel crogiolo di piacere, sprigionando un calore tale da lasciarti un lieve rossore sulle guance.
Ma anche a San Valentino bisogna lavorare, perchè purtroppo non si vive di solo amore.
Quando i primi clienti fanno il loro ingresso nel locale, le rose si lasciano ammirare come prime donne dal palcoscenico di un grosso vaso azzurro, mentre la confezione coi pochi boeri rimasti viene prudentemente custodita in un cassetto a cui attingere nei momenti di pausa.
Passano soltanto un paio di ore, che i clienti del tuo negozio vengono fatti uscire in fretta e furia, la saracinesca abbassata.
No, non c'è nessun incendio, nessun attentato terroristico a far fuggire quelle persone, ma lo sgomento. Sgomento per quelle tre commesse in tailleur nero e camicia rossa che sgomitano e si tirano i capelli per contendersi l'unica toilette del negozio.
Perché vedi, amore mio, in quei boeri non c'è solo dell'ottimo liquore, ma anche una potentissima purga, capace di causare un terremoto anche all’intestino di un morto.
Vi incrocio per strada mentre correte alla tua macchina con l'andatura ciondolante e la postura di tre primati fuggiti da chissà quale zoo, con le mani strette attorno al ventre nell'inutile tentativo di arginare un ulteriore movimento tellurico interno.
Arrivate alla Mini: ancora cinque minuti e sarete in farmacia.
Peccato che il pneumatico anteriore sinistro sia flaccido e sgonfio, proprio come lo è ora la nostra storia d’amore.
Maledici la sfortuna per aver parcheggiato sopra un chiodo.
Amore mio, la sfortuna non esiste!
La gomma te l’ho bucata io, e solo per colpa di quel dannato punteruolo spuntato, non sono riuscito a forare le altre. Ma almeno quell'aggeggio è tornato utile per incidere cosa penso di te sul cofano della macchina!
Come vedi, amore mio, io non ti ho dimenticata. Nemmeno oggi che è San Valentino, la festa degli innamorati. Proprio come lo eravamo noi un tempo. Proprio come lo siete tu e Mario adesso.
Certo, forse dalla foto qui allegata può sembrare che Mario sia innamorato anche di Sara, la tua collega, ma ti chiedo di non portargli rancore, non al buon Mario. Perdonalo, te ne prego.
Te lo chiedo proprio come tu lo chiedesti a me più di un anno fa, quando vi scoprii avvinghiati nel nostro letto.
Ricorda sempre ciò che ti sto per dire, amore mio, perché Francois De La Rochefoucauld la sapeva lunga:
Si perdona finché si ama”.

PIGI [pigi@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [10 commenti]

Caro Ufj, per amore si è pronti a tutto, anche a rigare la macchina della traditrice tanto amata.

pigi | 19.02.2007  21:46 

Buon Pigi.

Del | 16.02.2007  14:21 

Semlicemente l'anno scorso,mentre Betty diceva che le piaceva la mini,io sono saltata su con "Ma dai,è una macchina per troie" ;)!
Anch'io non ti conosco,ma...bravo UfJ:)!!!

Fede | 13.02.2007  13:15 

no, no, dietro UfJ si nasconde proprio quel coglione di UfJ
e credo di non conoscere né betty né fede
anche a me piace il racconto di pigi
soltanto...
vorrei sapere come ha fatto bucare la ruota di una mini in pieno centro
vorrei sapere come ha fatto anche a scriverle il dovuto sul cofano
infine vorrei sapere come ha fatto a mettere una purga nei boeri
già... vorrei tanto saperlo
sono certo che mi tornerebbe utile
però cari betty e fede
ormai su 'sta cosa della mini avete ricamato un bel po'
stiamo tutti friggendo di curiosità
perlomeno io
ci dovete una spiegazione

UfJ | 13.02.2007  10:55 

Effettivamente giuro che ho pensato esattamente la stessa cosa quando l'ho letta e infatti ho riso mezzora...mi sono anche chiesta se dietro lo pseudonimo UfJ ci fosse invece nascosta un'altra personcina ;). Visto che questa cosa comincia a diventare opinione comune mi sa tanto che devo trovarmi una nuova macchina da tenere nel mio cuoricino come 'macchina dei sogni'!!! :P Uffa!! Siete tutti brutti e antipatici!!
Tornando al racconto di Pigi, l'ho appena riletto e mi è piaciuto ancora di più di ieri!!

Betty | 13.02.2007  09:32 

AhAh,Betty non ti ricorda niente vero la frase di UfJ ;)?!
Bel racconto!!!

Fede | 12.02.2007  19:39 

Ufj ho schiacciato l'occhio...non mi ero mica offesa!!! Tranquillo!!! :D

Betty | 12.02.2007  18:29 

troppo brusco, scusate
...un pensiero che m'è uscito dal cuore
apparentemente rancoroso
ma non è così
una cosa... mah...
ne è passato del tempo
non me la ricordo praticamente più...

le mie scuse a betty e a tutti coloro
me compreso
che considerano la mini una bellissima auto

UfJ | 12.02.2007  18:02 

Accidenti...la Mini è la mia macchina preferita da sempre anche se non la possiedo e farei carte false per averne una. Dopodichè spero di non rientrare nella categoria citata da Ufj ;). Faccio i complimenti a Pigi, perchè questo racconto mi ha fatto sorridere. La frase di Francois De La Rochefoucauld l'avevo evidenziata anch'io quando ho letto il libro sulle sue massime! E poi spendo 2 parole su Valentino, non il santo del 14, bensì l'altro: Rossi. Quello santo tutto l'anno che non bisogna aspettare la metà di febbraio a festeggiarlo se non perchè proprio lui, a metà febbraio compie gli anni. San Valentino quest'anno per me è solo lui! :)

Betty | 12.02.2007  16:33 

tipica macchina da troia, la mini
...senza offesa per nessuno, eh, s'intende...

UfJ | 12.02.2007  15:17 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata