visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
16.03.2007
I MIEI PRIMI TRENT'ANNI - 4
Una vita da monolocale
Autore: French

Ho appena avuto un diverbio con il phon. Io volevo asciugarmi i capelli, lui ha soffiato per un paio di minuti e dopo, come al solito, ha fatto saltare la corrente a tutta la casa. Sono stufo dei suoi cortocircuiti e gliel'ho fatto intendere chiaramente con un gesto in apparenza violento, ma educativo: una botta secca contro lo spigolo della credenza. "Sei l'elettrodomestico più infame che opera in casa mia" gli ho detto "non hai rispetto neanche per i trentenni". Che poi adesso, proprio adesso, ne sto compiendo 31. 

Non è che abbia fatto grandi passi avanti nella scala sociale in questo anno appena trascorso, conduco ancora una vita da monolocale, spazi ristretti, orari casuali, alimentazione talvolta assente talaltra pericolosa. Il mio unico interlocutore è il phon, la sola consolazione ai travagli quotidiani è il divano sfondato e scomodo dove spesso, spinto da masochismo, desidero trascorrere la notte. Di norma resisto fino le cinque o le sei, poi i forti dolori intercostali mi costringono a ripiegare verso il meno friabile letto. 

Qui ci sono poche novità, ho iniziato a fare la raccolta differenzaita, prima la spazzatura si trovava tutta nello stesso punto della casa, ora invece il vetro è da una parte, la carta dall'altra, il cibo da un'altra. Ma sempre in casa. Sto manifestando una seria dipendenza ai popcorn, altra novità.

Il vivace scontro dialettico col phon è concluso, siamo al buio, io lui e il divano. Intorno la raccolta differenziata. Sono stanco, sono quasi le tre del mattino.

Col divano innanzi a me, mi viene in mente una frase che ho letto. "Senti" gli dico al phon "un tale di nome Raoul Vaneighem esortava a non barattere la certezza di non morire di fame, con la certezza di morire di noia. Che ne pensi?" Ecco, questa era la frase. "Lo so, è il concetto più condivisibile a parole e, nel contempo, più difficile da attuare. Tutti disdegnano la noia, dirai, ma in fondo ne temono la mancanza. I cambiamenti, anche dolorosi, che il destino ci propone o impone, sono spesso vissuti come traumi, non come stimoli. Eppure sono questi che assicurano la mancanza di noia. Nel baratto di cui sopra, siamo tutti mercanti disonesti: raccontiamo a noi stessi e agli altri che vogliamo una vita sempre nuova, vivace, frizzante, ma è una menzogna compiacente. Perdere il lavoro ci spaventa, essere lasciati dalla fidanzata ci disorienta, anche cambiare salumiere è un rischio che è meglio non correre. La noia, detestata e insultata, è il più soffice dei cuscini su cui appollaiarsi. Sono poche le persone che decidono consapevolmente cosa fare: sedersi o non sedersi? Molti si siedono senza rendersene conto, altri si siedono per debolezza ma si flagellano pensando alla propria debolezza, altri si siedono perché hanno smesso di odiare la noia e ne apprezzano i vantaggi; pochi sono coloro che restano in piedi. Capisci? una delle scelte più importanti per l'uomo è da fare dinnanzi a quel suadente, invitante e infido cuscino. Ed è lì, forse, che mi trovo adesso. Allora? Che dici, inizio ad annoiarmi?"

FRENCH [french@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [16 commenti]

Topus, ti ricordo che l'ultima volta che hai "conversato" con del rum invecchiato a lato (che poi era whisky...) sei stato ritrovato il mattino dopo steso sul lettino di una spiaggia... Comunque vengo anch'io a conversare.

French | 21.03.2007  11:31 

sì, sì, anch'io voglio conversare con il rum invecchiato :P

Topus | 21.03.2007  10:24 

Be caro French vedrai che con il tempo cambierai il tuo status. Guarda me, i miei sono ancora 34 per poco ma vivo in un trilocale ;) AUGURII

TRILOCALE LB | 20.03.2007  16:18 

Ma si, è un po' come "sedersi o non sedersi" e basterebbe poco se uno sapesse cosa vuole fare....ma forse è un discorso troppo serio x un lavorativo martedì pomeriggio! Potrebbe agevolare la conversazione un originale caraibico rum invecchiato?! ;-)

VENERDI | 20.03.2007  15:39 

Al termine della partita di domenica, vedendo che avevo segnato 7 goal, tutti hanno ironicamente detto: "allora domani nevica..." Sta nevicando davvero... indi devo proprio rassegnarmi al fatto che sia un evento eccezionale? Comunque bentornata Venerdì! Immagino tu sia stata molto bene ai Caraibi... Non sono molto d'accordo con te però, non è vero che "basta poco", bisogna sempre farsi il mazzo per ottenere dei risultati, e non credo nemmeno che ogni scelta implichi necessariamente una rinuncia. Non c'è niente di più fastidioso delle rinunce.

french | 20.03.2007  15:22 

Eccomi, hola todos!
Basta veramente poco, ma ogni scelta implica una rinuncia caro vecchio mio...Auguri di cuore

VENERDI | 20.03.2007  13:06 

7.. ma va là!!! L'hai segnato negli spogliatoi il settimo??!
:-P

Porkettaro | 19.03.2007  22:13 

La miseria!?! 7?? Non potevi tenerne un pò anche per le prossime partite?

Betty | 19.03.2007  17:52 

Ringrazio tutti per gli auguri, però vorrei precisare che i goal sono 7...

French | 19.03.2007  15:36 

Auguri! Ieri French ha festeggiato i suoi 31 anni con 6 - dico 6 - goals! :-D

And

Porkettaro | Homepage | 19.03.2007  15:16 

...in quei periodi in cui la tua vita sembra essere frenetica, iperattiva, e sembre di corsa, la noia diventa IL cambiamento. Ed è li che dopo un pò, rimpiangi d'esserti seduto...

PS.AUGURI French!

Elena | 16.03.2007  19:47 

Aiuto Del...la tua ultima frase aveva un nonsochè di quasi macabro ;)!! Dal mio punto di vista non bisogna adagiarsi finchè non si è veramente soddisfatti.

Betty | 16.03.2007  17:08 

Adagiarsi è l'inizio della fine. Ma è anche vero che prima o poi bisognerà pur finire.

Del | 16.03.2007  16:10 

riflessioni di un certo spessore eh?
ci sto pensando proprio in questi giorni: il cambiamento, la quiete, il certo, l'incerto, sansing good, sansing not very good.
Ci sono decisioni da prendere, ed in effetti è comodo adagiarsi sulla tanto detestata noia.

intanto, buon trentunennio!

Topus | 16.03.2007  12:36 

auguri ;-)

lorena | 16.03.2007  10:54 

Penso che questo sia il racconto più bello che hai scritto. E lo dico davvero. Buon compleanno :)!

Betty | 16.03.2007  09:19 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata