visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
06.04.2007
UNA GAFFE
Autore: paolomarini

Verso la metà degli anni Ottanta svolgevo servizio civile presso l'Arciconfraternita di Misericordia di una nota località della Versilia. La mia mansione principale era quella di centralinista. Un noioso pomeriggio in cui ero di turno, due autisti dell'Arciconfraternita stessa, Giovanni e Alberto, passarono davanti a me. Giovanni diceva: "Stasera avrei proprio bisogno della Bombolina, ma chissà dov'è...". Alberto consultò sulla bacheca al muro di fronte a me la tabella coi componenti della squadra di volontari prevista per la
notte - in quell'occasione tutta al femminile -, e commentò: "Sì, sì: la Cristina stasera c'è, in squadra!".
Se ne andarono. I due discorsi non c'entravano assolutamente nulla l'uno con l'altro, ma io non me ne resi conto: feci due più due e pensai fra me e me: "La Bombolina... non sapevo che alla Cristina avevano appioppato questo soprannome... certo le si addice, considerando il suo volume; l'importante è che non venga a saperlo: permalosa com'è, ci massacrerebbe tutti!"

Si fece sera. La suddetta Cristina, alias la Bombolina, fece il suo trionfale ingresso in sede, trascinando pesantemente i suoi oltre novanta chili, più il fidanzatino (trentatré chili, sette dei quali costituiti dalla montatura degli occhiali). La ben assortita coppia si fermò da me a salutarmi, poi si infilarono nella vicina sala tv (deserta).  Ripassarono Giovanni e Alberto. Giovanni ripeté: "Mondo boia, non riesco a trovare la Bombolina, o dove sarà?". Lo chiamai e gli dissi "E' alla televisione col damo!" [in Versilia i fidanzatini si chiamano così N.d.A.]. Mi guardò un po' stupito, raggiunse di nuovo Alberto e ancora entrambi scomparvero alla mia vista.

Dopo un po', Cristina e il fidanzato riemersero dalla sala tv e mi si piantarono davanti, a parlare del più e del meno. Ancora un paio di minuti, e Giovanni, seguito da Alberto, ricomparve tenendo in mano una bombola di gas, di quelle per i fornelli da campeggio, proclamando: "Eccola, la bombolina, l'ho trovata!". Poi venne davanti a me. "Ma te, TE!" e, in presenza della Cristina, mi puntò il dito addosso "COSA SPARAVI, PRIMA, CHE LA BOMBOLINA ERA ALLA TELEVISIONE COL DAMO? EH?"

E mentre fuggivo in cerca di un altro pianeta sentivo Alberto che incalzava:
"Davvero, che gli era preso? Diceva: la Bombolina? E' col fidanzato, guardano la televisione... mah, dev'essere rincoglionito..."

PAOLOMARINI [paolo.sqf@inwind.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [0 commenti]
I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pił media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La cittą degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata