visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
07.06.2007
MUSIC CORNER - 6
Are you fucking ready for Gods of Metal?!
Autore: Topus

Milano- Idroscalo - 02.06.2007

Motherfuckers e goffi lettori, are you fucking ready?

Non può che iniziare così la mia personale descrizione della giornata di sabato del Gods of Metal, all'Idroscalo di Milano (anzi "Mlano" come dicono i veri rockers). Una giornata funestata da un'incessante fucking pioggia, che ci ha simpaticamente scrosciato addosso dall'inizio alla fine.

La formazione: Vicious Topus, Fucking French, Ufj (acronimo che sta per Unbelievable Fucking Jackass) e Simone (il più cattivo di tutti, silenzioso come The Undertaker). Si arriva all'Idroscalo intorno alle due del pomeriggio, e tra birre calde e piadine fredde facciamo il nostro ingresso nel tempio del metallo, giusto in tempo per assistere alla performance dei White Lion. Le nuvole sono decisamente minacciose, e lievi, fucking, goccioline di pioggia iniziano a ticchettare delicatamente. Sarò sincero, dei White Lion conosco giusto una canzone, Broken Heart, ho quindi ascoltato la loro esibizione con una certa verginità d'orecchio. Decisamente un'ottima performance, pulita, vigorosa, condita da una moderata dose di fuck, motherfucking e Mlano, la quantità minima che ci si aspetta da un gruppo rock. Il cantante, Mike Tramp, pare ancora in ottima forma, sia fisicamente, sia vocalmente e, a conti fatti, rimane ancora il leader sostanziale dei White Lion. L'esibizione rimane comunque la migliore dal punto di vista metereologico, con addirittura una schiarita di cielo e un fugace raggio di sole che riesce a far breccia fra le fucking nuvole. Peccato che quel menagramo di Tramp se ne esca con un "thank you for the sunshine"
scatenando le ire di qualche dio della pioggia e del fango, notoriamente appassionato di musica rock. Da lì in poi il tempo non farà altro che peggiorare.

Congedatisi i White Lion ecco fare il suo ingresso un band storica, i Thin Lizzy, veri rockers allo stato puro. Dopo i rituali Mlano e motherfuckers si lanciano in una ottima cavalcata rock, ricordando in un paio di occasioni lo scomparso Phil Lynott, fondatore del gruppo. Nonostante l'età decisamente inoltrata la band tiene decisamente bene il palco. Il batterista, Tommy Aldrige, si vede che ci crede tantissimo. E infatti si renderà protagonista di una travolgente sessione di batteria che mi ha letteralmente lasciato a bocca aperta. A questo punto, un inciso: l'assolo di batteria è un'esperienza che ha senso di esistere unicamente dal vivo, o con un impianto audio di mostruosa potenza. Perchè l'assolo di batteria non si può solo ascoltare, con le orecchie. Bisogna sentirlo con il corpo. Bisogna sentire le vibrazioni di ogni colpo che arrivano come onde al vostro fucking cuore. Bisogna esserne travolti. E il buon Tommy Aldrige, che ha già il suo bel da fare a mantenere la massa di capelli che si ritrova, si esibisce in un'orgasmo di batteria che è pura energia fisica. Ovviamente gli è partito un embolo e gli è saltata la valvola mitrale. Ma questo è il rock, ragazzi. Ad un certo punto la macchina del fumo, nei pressi della batteria, ha iniziato ad emettere un flebile filo grigiastro, ma mi rimarrà per sempre il dubbio che il fumo fosse in realtà sprigionato dalle mani di Aldrige...

Se ne vanno i Thin Lizzy, la pioggia continua incessante e, signore e signori, ecco gli Scorpions. Come mi fa notare Ufj, il cantante Klaus Meine sembra Loredana Bertè, ma non importa, gli Scorpions sono gli Scorpions! Fuck! Per me si tratta di un momento quasi mistico perchè si tratta di un concerto che ho bramato anni fa, quando, già acquistato il biglietto, dovetti desistere, per cause di forza maggiore. E così eccomi al cospetto degli Scorps. They kick ass! Meine appare un po' spompato in alcune occasioni, soprattutto in The Zoo sembra quasi non riuscire a star dietro alla canzone. Compensa però con una discreta carica di energia. Corre da un lato all'altro del palco, continua a suonare il suo cavolo di tamburello e lancia tonnellate di bacchette al pubblico (ehm....). Ottimi i musicisti, anche se imbarazzanti. Matthias Jabs, zebrato, con chitarra zebrata, è una scena che nessuno vorrebbe mai volontariamente vedere, ma tant'è. Questo è il rock, baby. Ovviamente la fucking pioggia continua incessante e iniziano a spuntare i primi motherfuckers con l'ombrello che, occludendo la vista alle file posteriori, vengono giustamente lapidati e lasciati in pasto ai pettirossi. Anche gli Scorpions ci deliziano con una potentissima sessione di batteria, con un Kottak che mostra seri problemi di equilibrio mentale prendendo a pugni un gong (usato solo in quel momento e in 2 secondi di Still loving you...), tracannandosi una birra a gargarozzo e spaccandosi in testa la bottiglia della suddetta birra. La fucking pioggia inizia a farsi decisamente fastidiosa, ma French dichiara senza tema di essere smentito che la sua felpa è più che sufficiente a ripararlo dall'acqua. Gli Scorpions salutano Mlano, senza fare Winds of Change. No, ma adesso vedrai che rientrano e la fanno. Non l'hanno fatta...

Arriva il turno dei Velvet Revolver, che a chiamarli Guns'n'Roses si fa più bella figura, dato che in 3 su 5 (Slash, Duff McKagan e Sorum), sono ex-compagni di Axl Rose. E si presentano con un degno frontman, Scott Weiland, ex-Stone Temple Pilot, elegante come una battona di Novigrad, con pellicciotto bianco, cappello con stella rossa da commissario sovietico, e pantaloni di pelle da vero glam rocker. Slash è assolutamente uguale a se stesso 20 anni fa, capello riccio, tuba, sigaretta e Gibson. Grande performance, sound smaccatamente Guns, tanto da farmi pensare che, dallo stesso gruppo, mi sarebbe piaciuto tantissimo sentire un concerto interamente di cover dei Guns'n'Roses. Le due eseguite (It's so easy e Mr. Brownstone) sono veramente ben fatte e anche la cover di Wish you were here non può non ricordare la Knockin' on heaven's door dell'epoca d'oro. Peccato, il tempo non sempre è gentiluomo.
Anzi è propio un fucking motherfucker. L'esibizione dei Velvet Revolver scorre via liscia. Come la fucking pioggia sulla mia testa. Intanto altri due motherfuckers ombrellari cadono sotto i colpi della folla inferocita.

Calano le tenebre ed è dunque il momento della band headliner: i Mötley Crüe. Gli araldi del cattivo gusto, i ciambellani dell'eccesso, gli avatar dell'ignoranza. This is fucking rock'n'roll! Una scenografia composta da due aste impalatrici che Vlad Tepes avrebbe considerato ineleganti. Razzi esplosivi, fiammate, fumo. Non ci si poteva aspettare altro. Ed ecco i ragazzi di Vince Neil iniziare con una devastante Dr. Feelgood che scatena gli animi nelle prime file. Proprio grazie ai bradisismi causati dalle ondate di pogo riesco, a tratti, a veder meglio il palco, e questo è un bene. Poi a ruota seguono tutti i brani storici dei crue, da Shout at the devil a Live wire a Home sweet home a Girls, girls, girls. A proposito di girls, Vince Neil (affettusoamente rinominato Vincenzo) decide di abbassare, se possibile, il livello intellettuale dello spettacolo portando sul palco un puttanone di non precisata provenienza lasciandole liberamente dire sconcezze a profusione. Fucking rock'n'roll. Insomma i Crüe danno quello che ci si aspetta da loro, cattivo gusto, immoralità, ignoranza e chitarre bollenti. Spettacolo assolutamente all'altezza delle aspettative (anche se, lasciatemelo dire, Tommy Lee le bestemmie le poteva proprio evitare). Di nuovo una serie imprecisata di fuck, un saluto a Mlano, ed è tutto finito. I fottuti metallari iniziano a defluire, come pure i vari liquidi e liquami presenti sul prato. La fucking pioggia, più instancabile di qualunque musicista e qualunque fan, continua imperterrita a cadere dal cielo. French inizia a porsi dei quesiti riguardo le doti di impermeabilità della sua felpa. L'auto dista svariati chilometri che ci dovremo sorbire in religiosa processione piovosa. Io, in mezzo a tutte queste chitarre distorte, tutta questa acqua, fango, birra, jeans strappati, trucchi sciolti, facce distrutte, per un attimo provo quasi commozione nel constatare che, tutto sommato, i miei jeans non sono poi così bagnati. Quasi un momento di tenero candore in questa dissoluta e sporca giornata. Un motherfucker metallaro, con la sua fucking macchina, decide di inabissarsi in una pozzanghera grande come il lago di Tiberiade, e mi riversa sui jeans tre quarti della portata idrica della suddetta pozzanghera.

Fuck!


Guarda le foto del concerto!


TOPUS [topus@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [9 commenti]

Grande Topus!
Reportage spettacolare!
La fotografia, poi, è emblematica: Cremonapalloza 'N' Tapirulan United In Rock 'N' Roll!

McA

McA | Homepage | 13.07.2007  16:54 

Il trenta troverai sicuramente Ufj e anch'io ci sto facendo un pensierino... Ozzy dubito che stia in piedi, non c'è mai stato. Ci mancavano solo i Dokken a riempire ulteriormente questa estate ricolma di concerti! Non sono un loro fan, però mi piacerebbe vederli dal vivo.

French | 08.06.2007  11:33 

Porca di quellagran Tr...!!
Ever respect fukkking people!!!!
Invidia! No Stima e rispetto per voi Water hero...cos'è la pioggia davanti agli Scorpions...forse poco più di una pisciata. Io andrò in moissione il 30...speriamo che il simpatico Ozzy stia ancora in piedi. Spero di vedere qualcuno di voi la e che il clima rimanga soleggiato, altrimenti mi faccio prestare la felpa antipioggia dal buon French Aramis.
Il reportage fotografico è come al solito necessario e meraviglioso. Io intanto sto organizzando un "pulman risssa" contro i Pausiniani, partenza dal Piazzale della Pace alle ore 5,30 di un venerdì mattina a caso, guido io.PARTECIPATE!
P.S. A fine estate ci sono i DOKKEN a Milano io vado, se qualcuno vuole aggregarsi...stima e rispetto Gualà!

gual | 07.06.2007  19:20 

sono una reduce del secondo giorno ( e la paccara del primo!!! e del 30!!!)
complimenti per la bella e precisa recensione e per le foto... veramente belle!!!!mi è quasi, sottolineo il quasi, venuta un po' di invidia x non esserci stata... ma poi penso all'acqua che avete preso e alla sicura permeabilità dei miei abiti rispetto ai vostri e .... mi passa subito!!! Cmq ho preso tutto il fango di domenica e mi è bastato!!!!

b. | 07.06.2007  18:29 

Beh, Frencio, per gli accrediti sono comunque fuori tempo, il limite ultimo era il 20 maggio, anche per il concerto del 30 giugno, ovviamente.
E comunque anche a me Weiland è sembrato assolutamente all'altezza.

Per ufj: il resoconto in realtà l'ho già letto e l'ho anche molto apprezzato.
Mi riferivo alla pubblicazione su Tapirulan ;)

Topus | 07.06.2007  14:33 

se vuoi un'anteprima il resoconto del secondo giorno è già nel mio blog.
beh, ecco... chiamarlo resoconto è un po' tanto...
per il terzo giorno io ho già il biglietto da tempo. ci sarà anche gualandri, a quanto pare. spetterà a lui narrarci le gesta del 'popolo del terzo giorno'.

Unbelievable fucking | 07.06.2007  14:13 

Mi hanno davvero impressionato i Motley Crue in grandissima forma, leggermente sottotono gli Scorpions, forse perché relegati alle 5 di pomeriggio. Se i Velvet Revolver facessero solo cover dei Guns andrei a rivederli immediatamente: Scott Weiland attualmente è sicuramente migliore di Axl... Attualmente. Mi sta venedo voglia di andare anche alla giornata del 30, munito della mia felpa che continuo a difendere in quanto a doti di impermeabilità. Dai Topus, chiedi gli accrediti stampa!

French | Homepage | 07.06.2007  13:25 

Sì, sì, hai ragione!
Ah, che bello se ci fossimo incrociati con i pausiniani ;P

Allora attendo il soleggiato resoconto del popolo del secondo giorno! ;)

Topus | 07.06.2007  12:20 

ti sbagli mio caro topus, ti sbagli. un motherfucker metallaro, dopo dieci ore di fango e merda, avrebbe portato rispetto ad un altro motherfucker metallaro. il bastardo che ci ha annaffiato era sicuramente un fottuto fighetto pausiniano. erano sei volte noi, quei rottinc£@, a san siro. ma gliele avremmo suonate. ah, se gliele avremmo suonate!
e le saracche di tommy lee hanno comunque sortito l'effetto desiderato: hanno spazzato il cielo per l'indomani con somma gioia di tutti noi 'popolo del secondo giorno'.

UfJ | 07.06.2007  09:19 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata