visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
07.03.2008
FREDRIC BROWN
quando il destino ? solo una questione di forma
Autore: Pigi

Ci sono vari modi per dare una svolta alla propria vita, e a volte basta semplicemente cambiare lavoro, lasciare la fidanzata o trasferirsi in un’altra città per sistemare le cose.
Altre volte, però, capita di trovarsi invischiati in situazioni così disperate e insostenibili, che non basta più una semplice sterzata per raddrizzare la propria vita, ma serve l’intervento di qualcosa fuori dal comune, di straordinario. Ed era esattamente ciò che aveva fatto Fredric Brown per ribaltare un destino che gli era sempre stato avverso e, nonostante tutti i suoi sforzi, continuava ad essere tale.
“Diavolo!”, imprecò Fredric Brown, sbattendosi la porta della soffitta alle spalle.
La sua mano brancolò nel buio per qualche secondo, finché non trovò l’interruttore della luce, facendolo scattare con un ronzio sinistro.
Mentre la luce dell’unica lampadina inghiottiva timidamente le tenebre della stanza, ripensò alle ragioni che più di un mese prima l’avevano spinto a tentare ciò che nessun uomo sano di mente avrebbe osato solo immaginare.
Gli mancava un unico misero esame per chiudere con l’università, ma non gli riusciva di passarlo.
Maledetti Euclide, Pitagora e la geometria tutta! E con le donne andava anche peggio: l’ultima volta che era uscito con una, aveva dovuto pagarla, per poi accorgersi che quella stronza gli aveva pure fregato il portafogli.
Per non parlare di quella piccola somma mensile che gli passavano i suoi e che se ne andava sempre troppo alla svelta, con tanti saluti a sigarette, birre ghiacciate e donne da marciapiede.
Ecco come si era ridotto Fredric Brown, con la vita che lo prendeva a calci nel didietro.
Finché non aveva trovato la soluzione. Una soluzione scovata in una strana notte di luna piena e sepolta in quella stessa soffitta da chissà quante generazioni. Quella soluzione giaceva tra le pagine incartapecorite di un polveroso tomo, le cui parole erano scritte col sangue ed odoravano di zolfo.
La soluzione la si poteva riassumere con un’unica e portentosa parola: negromanzia.
Era così che Fredric Brown aveva provato a cambiare la propria vita più di un mese fa, semplicemente chiedendo l’aiuto di un demone. Seguendo le minuziose indicazioni di quel grimorio maledetto, Fredric Brown aveva evocato un demone - Belial, Baphomet o chi altri fosse, non importava - e lo aveva imprigionato nel pentacolo magico tracciato sul pavimento della soffitta, costringendo quella creatura degli abissi ad esaudire tre suoi desideri, in cambio della libertà di fare ritorno alle profondità senza fondo da cui era stata chiamata.
Il rituale sembrava essere filato liscio, ma evidentemente qualcosa non doveva aver funzionato: come prima di quel fatidico giorno, di donne, soldi e successo non v’era traccia nella vita di Fredric Brown.
Anzi, la situazione era ulteriormente precipitata: aveva stabilito il nuovo record universitario di bocciature all’esame di geometria con tanto di notizia sul quotidiano locale, era stato rapinato tre volte e, soprattutto, si era accorto troppo tardi che l’unica donna ad accettare le sue avance, era in realtà un travestito di nome Hermann.
Ma come era possibile? Aveva seguito tutte le istruzioni alla lettera, ne era sicuro.
Si ritrovò a sfogliare quello stramaledetto libro, ripercorrendo parola per parola tutto il rito di evocazione.
Il pentacolo era ancora lì, sul pavimento, e una piccola ombra scura al centro di quel simbolo esoterico testimoniava che aveva versato nel punto esatto alcune gocce del proprio sangue. Anche le sei candele, benché quasi completamente consumate, si trovavano al loro posto, su ciascun vertice del pentacolo.
Ma…Un momento.
Si portò nervosamente una mano al mento, mentre uno spaventoso dubbio si faceva largo nella sua testa.
Sei candele?
No! Non poteva essere vero! Non riusciva a crederci.
Gli occhi di Fredric Brown si posarono alternativamente e ripetutamente dal tomo, al pentacolo, alle candele e viceversa, sempre più consapevoli e sgomenti di quello che era successo.
Un ululato di rabbia si levò dalla casa di Fredric Brown, squassando la tranquillità notturna del vicinato: il demone aveva finto di assecondarlo, in realtà si era preso gioco di lui e dei suoi ordini, ed era tutta colpa della geometria, della stramaledetta geometria, non della magia nera!
Se il destino si era accanito con Fredric Brown e la vita aveva continuato a prenderlo a calci nel sedere, era soltanto per un errore di forma, come quello, fatale, commesso nel disegnare un pentacolo a sei punte invece che a cinque.

PIGI [pigi@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [3 commenti]

birre ghiacciate e donne da marciapiede. questa รจ vita.

mazzarri | 08.04.2008  01:38 

Grandissimo scrittore, Frederic Brown... Complimenti a te, Pigi. Racconto carino.

fratearrigo | 10.03.2008  07:58 

come sempre la sfortuna perseguita lo stolto , il destino si beffa del presuntuoso , e noi giochiamo al super-enalotto.

mi piacciono sempre i tuoi racconti ,
mostri l'evidenza dell'essenza umana senza vestirti da predicatore saccente.

un saluto , sconosciuto .

ATOMO | 08.03.2008  12:33 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata