visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
28.10.2005
PRATICAMENTE
Autore: French

Avevo conosciuto una signora molto elegante con tutta della pelliccia intorno al collo e degli orecchini che brillavano tantissimo.
Praticamente era una bellissima donna.
La conobbi in un bar e, sorseggiando caffè, abbiamo parlato prima dei nostri rispettivi lavori, poi delle nostre rispettive gioie, poi, dal momento che l'argomento si era presto esaurito, dei rispettivi dolori. Poi dei rispettivi amori.
Praticamente dolori e amori coincidevano. Fu proprio questo connubio indesiderabile che fece perdurare la conversazione per moltissimo tempo, perché ogni frase da me pronunciata carburava quella che avrebbe proferito lei.
Mi chiede se sono felice. Certo.
Mi sento un po' un naufrago. La felicit? è quel canotto che ti soccorre quando sei perduto in mezzo all'oceano, dura il tempo che ti accorgi che è senza remi? E poi dove vai con un canotto se sei in mezzo all'oceano!
"Perché sei così pessimista?" mi rinfaccia "è molto più bello pensare che la felicit? sia sempre dentro di noi, solo che per paura che ce la rubino l'abbiamo rinchiusa in cassaforte, ma una cassaforte talmente scomoda da aprire che l'apriamo solo nelle grandi occasioni, come i matrimoni o per straordinari successi nel lavoro".
"Dev'essere per questo allora, che io non l'ho aperta mai?"
Si fece tardi. Praticamente il barista voleva chiudere il bar. Ci avviammo dunque alla cassa, e lì nacque una piccola ma prolungata disputa, perché entrambi si voleva offrire il caffè. La questione sembrava non destinata a breve soluzione.
Praticamente offrì il barista purché venisse conservata l'antecedente armonia, ma soprattutto purché ce ne andassimo immediatamente.
"Amica mia, non ci siamo ancora scambiati i rispettivi nomi", dissi.
"Perbacco! Hai ragione! Io mi chiamo Penelope e tu?"
"Paolo"
La passeggiata in sua compagnia era piacevole, non tanto per gli argomenti di cui si discorreva (la rassegna dei dolori non era ancora conclusa), quanto per l'assoluta rilassatezza che provavo in quei momenti. Cammina cammina arrivammo a casa sua, entrammo, si bevve qualcosa. Poi andammo a letto, e dal momento che i letti praticamente coincidevano, praticamente facemmo l'amore.
Cominciai a rivestirmi.
"Hai visto il mio calzino?" chiesi
"No"
"E le mie mutande?"
"No! E tu, hai visto mio marito?"
"No", mi girai e lo vidi. Una persona alta, distinta. Intelligente, comprese subito che non ero lì per lavoro come intendevo fargli credere.
Praticamente mi picchiò molto forte.
Praticamente la rassegna dei dolori, per me, non era ancora finita.

FRENCH [french@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [1 commento]

"La felicità è quel canotto che ti soccorre quando sei perduto in mezzo all'oceano, dura il tempo che ti accorgi che è senza remi"...speriamo proprio che non sia così, io non so nuotare tanto bene ;)!

Betty | 19.12.2005  12:08 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band più media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La città degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata