visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
11.06.2008
UNA LEGGER-A PIOGGIA
Autore: UfJ

Fuori dalla sala la gente se ne sta col naso all’insù a contemplare i cumulonembi. Qualcuno inganna il tempo fumando, qualcun altro il tempo invece lo maledice. I vecchi di passaggio scuotono il capo, mettono le mani nelle tasche slabbrate dei pantaloni di fustagno e corrono a casa infreddoliti. Gli espositori coprono rassegnati le proprie mercanzie. I più giovani vanno e vengono dal bar di fronte e trangugiano birra. Dentro, i tecnici tirano fili dappertutto e madonne verso la volta del salone.
Tutti hanno un’espressione interrogativa e nessuno pare avere un’idea chiara sul da farsi.
Mario e i suoi stanno leggendo le loro poesie, ora, per uno sparuto pubblico di rifugiati al maltempo. Dopo tocca a noi.

Enrico, davanti a me, è molto preoccupato. Per essere precisi è completamente terrorizzato. Gli sto spiegando che voglio, anzi, ESIGO che il finale del racconto venga letto ansimando. Il pubblico deve capire che i due stanno facendo sesso. Lorena, agghindata per l’occasione – scarpe di vernice rossa, calze a rete e minigonna inguinale – annuisce. Nonostante il maltempo Enrico sta sudando. Suggerisco a Lorena di ‘interpretare’ la scena, magari strusciandosi un po’ nei confronti di Enrico. Nei limiti della decenza, beninteso. Enrico, per tutta risposta, se ne fugge a gambe levate.
Sono quasi le quattro. In sala ci sono non più di cinquanta persone, di cui almeno metà sono addetti ai lavori. Beh, tutto sommato hanno le orecchie anche loro. L’obiettivo nostro è quello di usarle, possibilmente, per giungere ai loro cervelli.
Come lettore non valgo una cicca e ritengo altresì di avere scarsi margini di miglioramento. Ma di questa lettura/performance, che caldeggio dall’inizio – da quando, cioè, s’è parlato per la prima volta di portare ‘Bufanda’ in tour – di questa lettura, dicevo, mi sono figurato tutti i tempi comici e – per necessità più che per protagonismo – mi sono ritagliato il ruolo principale.
E allora avanti e indietro nei corridoi delle terme, il foglio in mano, a leggere e rileggere la mia parte a voce alta, sotto gli sguardi sollevati delle anziane coppiette, rinfrancate, mi t’lëva dìt, Cesira, che l’Alzheimer può colpire anche i giovani.
E’ l’ora. Leggo di spalle al pubblico. Lorena e Enrico sono di fronte a me. I nostri ruoli: al crescente sconforto del mio personaggio fa da contrappunto un crescendo di eccitazione da parte dei due. Lorena provoca Enrico. Enrico assume una serie di espressioni degne di un caricaturista consumato. In più occasioni sento il pubblico ridere dietro di me. Abbiamo raggiunto il loro cervello. Missione compiuta.

Domenica 8 giugno, presso il parco Corvazza di Salsomaggiore, all’interno della rassegna ‘Incontrarsi a Salsomaggiore’, si è svolto – o meglio, si sarebbe dovuto svolgere – ‘Legger-A’, un evento culturale di ampio respiro che prevedeva un certo numero di reading poetici e letterari, al quale eravamo stati gentilmente invitati dalla ‘Luna di Traverso’. C’erano in tanti: Paolo Nori, Patrizia Valduga, Gene Gnocchi. E poi noi, assieme ai Lunatici, e ‘Materia/off’ – altra realtà culturale parmigiana – e, infine, un certo numero di iniziative collaterali.
Nulla di tutto ciò è andato come doveva. Alle prime gocce è cominciato il fuggi-fuggi. Dopo tre minuti non c’era già più nessuno. Ci trasferiamo tutti dentro l’atrio delle Terme Berzieri di Salsomaggiore ma, ormai è chiaro, il pubblico è soltanto un ricordo.
Che fare, quindi? Un po’ di indecisione e parlottamenti vari, dopodiché si decide di andare avanti. E anche se non tutto è filato liscio, anche se fuori piove, anche se il pubblico non è quello delle grandi occasioni… beh, il divertimento c’è stato, unito alla sensazione di avere fatto comunque qualcosa.

Alla rinfusa, una manciata di cose di quella giornata che non dimenticherò facilmente.
Non dimenticherò la faccia terrolibidinizzata di Enrico mentre Lorena gli si avvinghia per indurlo/indurirlo a commettere l’ennesimo adulterio letterario.
Non dimenticherò il testo di ‘Fatti la barba, Barbara’, perché se è vero che una canzone non può cambiare il mondo, è altresì vero che può catturare tre persone, strapparle loro malgrado alla conversazione e costringerle a saltare come ipnotizzate da un abile incantatore punk.
Non dimenticherò gli occhi ignei di Federica, i bulbi simili a macchine di Van der Graaf ogni volta che Fabio incasina il canovaccio. Ciò che accade ben più di una volta.
Non dimenticherò l’emozione nel percepire che chi sta facendo ridere il poco pubblico sono io, proprio io. Beh… io e gli altri. Specialmente gli altri…
Non dimenticherò la straordinaria lettura di Massimiliano, che ringrazio da qui, sperando che possa sentirmi. Arruolato lettore-di-Tapirulan. Nunc et semper et saecula saeculorum.
Non dimenticherò l’aracnide Patrizia Valmorta, vedova nera, funerea, strafatta, la pelle color della cenere, i lineamenti del volto simili a uno svincolo d’autostrada, più rifatta di ‘Blowin’ in the wind’; non dimenticherò le sue quartine da Pornobaci Perugina; non dimenticherò la teoria di uomini che si accalcano verso l’uscita con le biglie larghe e la mano sui maroni.
Non dimenticherò, infine, questa intera giornata a Salsomaggiore con tutti voi, e che si fotta il bel tempo.

UFJ [ufj@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [5 commenti]

non dimenticherò il parco deserto. Pensando voleste farmi uno scherzo vi ho cercati ad uno ad uno dietro gli alberi.

robirobi | 13.06.2008  08:31 

... e non ci ha nemmeno aspettato per il pranzo?

lorena | 11.06.2008  12:24 

...e che mi dici di quell'altro stronzo che alle 10.30 ancora dormiva mentre noi sotto scampanellavamo come una mandria di manze al pascolo? eh? che dire di lui?

UfJ | 11.06.2008  11:35 

Non dimenticherò il viaggio da Parma a Salsomaggiore, durato circe due ore per percorrere poco più di trenta chilometri.
Non dimenticherò quello stronzo che alle 7.30 di domenica mattina usava sfacciatamente il trapano nella camera di fianco alla mia.

French | 11.06.2008  11:28 

...solo per puntualizzare che l'immagine di enrico terrorizzato dalla parte è volutamente iperbolica. enrico, come si dice più sotto, ha interpretato il testo con la maestria di un attore più che esperto.

UfJ | 11.06.2008  10:22 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata