Tapirelax
03.11.2008
MUSIC CORNER - 15
Metallo non metallo
Autore: Mojo

Milano, Rolling stone, 25/10/2008 - concerto Anathema

Alle 6 di un giovedì qualsiasi uscite dal lavoro e invece di una corroborante birra vi bevete 2 ore di coda in tangenziale e, ciò che è peggio, Symphony X e Dream Theater in sequenza stretta al Filaforum?
Già. Capitato anche a me.
Il più caldo week-end di giugno coincide sempre con il vostro ciclo e la due-giorni all’Arena Parco Nord all’insegna del metallo pesante? Naturale. Mai visto un Gods of metal sotto i 40°.
Credevate di farvi un narghilè alla mela in un localino del reggiano e vi trovate davanti il testone pelato e sudato di Paul Di’Anno special guest al Vampyria? Ho visto più di una coppia sciogliersi quel giorno.

Ma avere un fidanzato metallaro ha anche i suoi lati positivi. Non ci credete?
Beh...
Se amate la birra e i jeans schiariti con candeggina potrete farne largo uso. 
Soprattutto, se la vostra chioma è lunga e pettinata allo sfibramento lui diverrà un pupazzo (di carne) nelle vostre mani.

Io per me amo la birra e il reggae che mi fa portare i capelli arruffati. Amo anche, ahimè, un metallaro sfigato. Per questo mi sono lasciata convincere. Per questo mi trovo al Rolling Stone in mezzo a capelloni con giubbetto di pelle a spalle larghe e donzelle strizzate in corsetti di pizzo nero. Sono numerosi. Se si accorgono che non mi frega un cazzo degli Anathema sono finita.
Entriamo e il gruppo di spalla ha già suonato. Ohh, che sfiga. Grazie Dio.
Giro magliette, birra, bagno e qualche chiacchiera. Gli Anathema escono puntuali. Bueno, così ci leviamo dalle palle alla svelta.
Il primo impatto è quasi positivo. Salgono sul palco tranquilli, sottofondo una bella voce femminile campionata, intro, scopro, di uno degli ultimi album [A natural disaster, album di svolta del 2003]. Niente corna, inni o altre amene stronzate. Sono vestiti come una qualsiasi band alternative dei nostri tempi, giacca nera e camicia bianca. Cazzo, tre su cinque hanno pure i capelli corti.
Iniziano a suonare e rimango letteralmente a bocca aperta. Il cantante, voce limpida e al contempo profonda, una faccia a metà tra Robert Smith e Ugo Cattabiani, tiene bene palco e pubblico. Le canzoni, molto più new wave di quanto avessi mai osato sperare, mi fanno ondeggiare assieme ai capelloni e ai corsetti di cui sopra. Poco spazio al metal becero e grande attenzione alle derive dark di un suono che, tocca dirlo, ricalca a tratti i Pink Floyd fine ’70. Pezzi vecchi e nuovi, riconoscibili dal maggiore o minore impeto nei cori. Pezzi strumentali e incursioni elettroniche. Pezzi tirati da togliere il fiato e pezzi sussurrati da volare via. Tutti godibili anche per orecchie pop come le mie.
Per quanto mi riguarda, la forma perfetta di canzone è racchiusa nei pochi minuti di Everything is ending here; quando i Pavement componevano piccole gemme per farci guardare la punta dei piedi, sognando. Eppure gli Anathema mi fanno ondeggiare. Sta a vedere che mi piace il metal e neanche lo sapevo.

Da una settimana non ascolto altro; mi son pure scaricata la scaletta di Milano. Una ventina di canzoni in due ore e passa molto intense. A natural disaster rivisto quasi per intero. Con variazioni sul tema tanto per far capire che nessuno sta facendo i compitini. Deep e Closer aprono splendidamente, qualche traccia dolente da The silent enigma, aperture in punta di plettro con furenti esplosioni da Judgement e Alternative 4 (Anyone, anywhere sopra tutte), canzoni nuove che, debolmente per carità, richiamano perfino i primi Motorpsycho; la sola chitarra sul palco per una Are you there acustica e intimista; i cavalli di battaglia, con qualche stacco un po’ tamarro per i seguaci della prima ora: Angelica, A dying wish e Fragile dreams. Delirio. Saluti, grazie Milano, niente bis. Tutto molto naturale. E molto bello.

Setlist
01- Deep
02- Closer
03- Far away
04- Angels walk among us
05- A simple mistake
06- Anyone, anywhere
07- Empty
08- Judgement / Panic (medley)
09- Shroud of false
10- Lost control
11- Regret
12- Hope
13- Temporary peace
14- Flying
15- Are you there?
16- One fast goodbye
17- Angelica
18- A dying wish
19- Sleepless
20- Hindsight
21- Fragile dreams

MOJO [mojogoldmine@gmail.com]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [6 commenti]

carina la citazione lennykravitz/ronniejamesdio. vuoi vedere che il tuo metallaro sfigato ti ha pure inculcato un po' di sani e vecchi rainbow? ben fatto, caro.

UfJ | 17.11.2008  11:38 

il rock 'n' roll è morto, lunga vita al rock 'n' roll!

mojo | 11.11.2008  18:13 

Gran bel pezzo di gonzo journalism, brava Mojo.

Rock'n'roll!

McA

McA | Homepage | 11.11.2008  01:34 

Abbiamo acquistato una nuova articolista? C'era proprio bisogno di aria fresca. A quel concerto ci volevo venire anch'io, non ce l'ho fatta. Gli Anathema sono penalizzati dal nome. Lo senti e pensi che quelli come minimo facciano il metal più pesante della storia, roba tipo Carcass o Cathedral... Invece è tutt'altro. Le prime due canzoni di Alternative4 sono, per me, indimenticabili.

French | 06.11.2008  13:56 

la signorina finge di non ricordare che mentre i system of a down tiravano giù il filaforum con l'ultima data del loro toxicity tour, quello stesso fottutissimo giorno io ero all'alcatraz a vedere quei frocetti degli strokes, in quel momento la band più indie-emo-stronz-alternative dei miei spiaccicatissimi coglioni.

UfJ | 06.11.2008  08:51 

Porca troia e io non c'ero! Mi sa che sta volta mi son perso 'na chicca interessante. Vedremo al prossimo giro. Comunque bella recensione. Respect

guallarmè | 05.11.2008  20:38 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
In evidenza
tapirulan ciaoo
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata