Tapirelax
13.02.2009
MUSIC CORNER - 18
Un muro nella testa
Autore: UfJ

Ivano Fossati 1/2/2009 – Cremona, Teatro Ponchielli

Percepire un cielo che mulina di bianco, erigere un ponte tra noi e il Ponchielli.
La notte è una donna che suona, la notte colleziona brutte ballerine. Il respiro giallo della sala ci carezza la testa, trasferisce il dolore ermetico delle persone euristiche. Dalle crinoline, il buio si libra come iati sui nostri ricordi, è la costruzione di un silenzio sbandato che plana piano sulla cornice di mille futuri. Ivano Fossati indossa noi tutti, e una camicia bianca. E dei jeans, mi pare.
Sono le note che ci girano intorno, una musica leggera da sfrondare, e questo tempo che scorre lieve tra le pendici di un pianoforte. Sono novelle sensazioni, il pallore dinoccolato delle canzoni.
Mi astraggo un istante. Davanti a me, i capelli dei ricordi hanno il dolore dell’assenza.
Vergogna, ora basta, vuoi tagliarti quei rasta?
Con questo muro che scivola in corpo, con questo amore che si sbraccia piano, la consistenza di un aroma umido. Abbattiamola insieme questa giovinezza di altari, prima che il tempo noleggi un grattacielo.
Il nostro amore è un secchiello di speranza. Domiamo presto questi glicini in fiore, respireremo il profumo della stella che colsi per te. Dammi la mano, percorriamo questa strada che vibra, negli angoli della bellezza l’amore è una notte di seta.
Ora basta, vergogna, mi sono preso la rogna.
E’ tardi amore mio, è giunto il momento di riporre le nostre ametiste in uno scrigno del color dell’inquietudine. Guarda, ancora il cielo mulina di bianco.
Sara giocherella con un desiderio d’inverno. “I testi di Ivano Fossati”, dice, “sono bianche farfalle che si librano sui pistilli della sensazione”.
Annuisco. “Raccogliamo il libro della conoscenza, e costruiamo un ponte che sia me, che sia te. Che sia noi”, replico.
“Sì, ma come fare con questa musica che gorgoglia durante il fiume?”
Il mio sospiro è una danza.
“Hai ragione, mia cara. Il ricordo sarebbe una strada che vibra nel calore”.
Sara annuisce. “A proposto di calore. Vorresti mica alzare un altro pochetto, così che il mondo che indossiamo si faccia per noi un cicinino più adiabatico?”

UFJ [ufj@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [1 commento]

Pensa, Ufj... stavo pensando proprio a quella canzone...
TELEPATIA!
Grande pezzo, molto vero!
Abbiamo un maledetto MURO!

Porkettaro | Homepage | 15.02.2009  15:05 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
In evidenza
tapirulan ciaoo
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata