visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
25.11.2009
MAKE ME UP
Autore: A.marti

Mi è sempre piaciuto questo lavoro. Più che un lavoro, una passione.
Fin da piccola. 
Quel poco di rossetto e quel filo di trucco che mia madre si concedeva di rado, nelle occasioni speciali, esercitavano su di me un fascino enorme. La mamma era
bellissima quando si truccava un po’; era un’altra mamma.
All’improvviso sul suo viso comparivano le labbra, come se un attimo prima non le avesse nemmeno avute. Ora erano lì, rosse, lucide, carnose; un timbro per i baci! Mi piaceva moltissimo rubarle un bacio e passare tutta la domenica col tatuaggio della sua bocca sulla guancia. Mi piaceva guardarle gli occhi, che con un filo di matita nera, ricordavano le immagini degli Egiziani sul libro di storia.
Ecco, ero la figlia di Cleopatra.
Insomma, quel gioco antico e misterioso della maschera, dell’apparire anche senza essere, o del poter “essere”, senza essere veramente, ma diversi e sempre nuovi ogni momento; quella passione “oggettiva” per la femminilità, celata in tubetti di rosso per le labbra, in polveri impalpabili di ciprie e ombretti, unita agli affascinanti gesti e strumenti del dipingere, diventarono il mio lavoro.
Un lavoro bellissimo.  
Ci ho sempre messo tutta la passione.
Passione nella passione. Non avrei potuto chiedere di meglio alla  vita.
Persino quando mi hanno proposto questo lavoro sono stata felice. In fondo, un volto è un volto anche da morto. L’ho sempre vista come una missione. Restituire un’immagine dolce e composta a visi sofferenti o brutalmente feriti negli incidenti. Donare un ultimo ricordo degno di queste persone ai loro cari.
Inoltre i cadaveri stanno immobili, e in genere sono molto silenziosi. E’ davvero un vantaggio per la riuscita di un buon make up, in più la pelle è bella tesa e il risultato è quasi sempre superiore alle aspettative. Chissà, forse anche questo ha a che fare con gli Egiziani del libro di storia, con l’ultimo viaggio.
Lo scoprirò presto.
Ora però, vorrei tanto vedere come mi ha truccato questa ragazza, ché le tremavano un po' le mani.
Deve essere una nuova.

A.MARTI [marlock@libero.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [1 commento]

Leggere è stato come tracannare in un solo sorso una bottiglia d'acqua contenente acido.
Il racconto scivola colorato e alla fine quando ti accorgi del senso è già troppo tardi.
Geniale l'ultima riga

robirobi | 26.11.2009  13:07 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata