visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
10.11.2010
LA BANCA DEL TEMPO
Autore: A.marti

Con l’ultima mezz’ora che gli rimaneva si recò alla Banca del Tempo per chiedere un mutuo. Il tempo stringeva, ma gli toccò sprecare 10 minuti in attesa del direttore, che lo trovò in stato confusionale con gli occhi fissi sull’orologio da polso.
“Direttore mi aiuti” disse apprensivo “l’ho finito tutto e non so come fare, la prego me ne conceda ancora un po’, ho tante cose da sistemare, tante cose da finire. Glielo renderò, appena possibile, la prego, la prego, la prego!”.
“..ma com’è possibile Signor Presente, le abbiamo già concesso tutto il tempo possibile, com’è riuscito  a consumarlo tutto, così velocemente?” lo incalzò severamente il direttore.

“Non so che dirle,  signor direttore. Non riesco a contenere le uscite. Gli istanti si volatilizzano che è un piacere. Le ore mi volano, i giorni galoppano; non mi basta, non mi basta mai. Devo pagare il mio fornitore, il Signor Futuro che mi pressa di continuo; mentre il mio principale cliente il Signor Passato, non mi rende nulla, nemmeno una mattina, nemmeno un paio di mercoledì. Si tiene tutto e tace. E’ una situazione insostenibile, lei capisce. Mi trovo in mezzo  a due fuochi, ma le renderò ogni momento, stia sicuro, con tutti gli interessi”.
 
Il direttore ricadde pesantemente sulla sedia, passandosi le mani fra i capelli; concedere altro tempo al Presente era un rischio non da poco. La Direzione Generale gli aveva già intimato di fare attenzione; quel Presente non era affidabile: mille progetti, ma molta precarietà. Inoltre gli era già stata concessa un’ipoteca sul Futuro, che condizionava e non poco, molti anni a venire. Insomma questo Signor Presente sembrava non piacere più a nessuno: troppo nervoso, troppo instabile, senza più garanzie o assicurazioni. Nella mente del direttore si figurarono i volti dei superiori; giuria di un tribunale con il suo insindacabile giudizio.
 
“Vede Signor Presente” riprese il direttore tormentandosi gli occhiali sul naso “lavoriamo insieme da anni, la sua attività è conosciuta, diffusa ad ogni livello. Ma i tempi sono cambiati.Il tempo è denaro, e lo spread che le stiamo applicando è decisamente vantaggioso, non possiamo davvero far altro. Pensiamo che lei debba rivedere la sua politica. Perché concedere altro tempo alle persone? Lei è troppo buono Signor Presente. Applichi dei tagli e vedrà che tutto si sistemerà, tolga tutto il buon tempo che ha concesso, i tempi morti, il tempo concesso all’ozio e allo svago.  Acceleri, acceleri. Perché fermarsi a pensare? Le persone non hanno  più bisogno di fermarsi a pensare, lei le faccia divertire, le distragga.  Elimini il tempo perso delle persone inutili. Vedrà, in men che non si dica, la sua economia tornerà in pari, senza doversi esporre ancora di più. Lei lo sa bene, esporsi al giorno d’oggi significa diventare fragili”.
 
“Signor Direttore, ma è sicuro ?!” supplicò Presente osservando ansiosamente l’orologio. “Certo che lo sono, è un investimento sicuro. Tagli, tagli e recupererà tempo”
 
“Come vuole” acconsentì Presente mestamente, allontanandosi. Il Direttore venne ritrovato poche ore dopo, riverso sulla sua scrivania, con le mani fra i capelli. Infarto, scrisse il giornale il giorno seguente.
 
“Una grave perdita per tutti noi ” pigolò il Direttore Generale al termine della mesta cerimonia di saluto. “Un uomo così giovane, così brillante. Pensare che aveva tutto il Tempo dinnanzi a sé..”

A.MARTI [marlock@libero.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [3 commenti]

Buzzatiano

robirobi | 12.11.2010  19:06 

brava anna,il tempo bastante non è mai abbastanza.

mattarozzi giorgio | 11.11.2010  20:48 

...Lo trovo geniale questo racconto di Anna Martinenghi!
Un vero spaccato della società attuale.
Ana Vera.

ana vera | 11.11.2010  09:47 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata