visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
28.09.2011
MUSIC CORNER - 37
Una recensione mediocre (parte 1)
Autore: UfJ

Racconto pubblicato su Parma qui del 17 luglio 2011

“No, no e poi no!” sbraitai, e intanto menavo i pugni nell’aria, come avessi sotto una scrivania, e degli oggetti da sbalzare.
“Eddài, Albi, ci tengo tantissimo”.
“E’ una stupidaggine. Una stupidaggine enorme. E lo sai”.
“Albi...”
“Senti, senti qua”. Accesi lo stereo e lo sintonizzai su Isoradio. C’era un tizio che annunciava “Ventisette chilomentri di coda tra Parma e Reggio Emilia. Code a tratti tra Milano e Parma”. Diceva proprio così. Ventisette chilometri di coda tra Parma e Reggio.
“Visto? Che ti avevo detto?”
“Albi, ti prego. E’ la cosa che desidero di più”.
“Addirittura la cosa che desideri di più?”, miagolai.
Un sospiro paziente. “Alberto, la cosa che desidero di più è la pace nel mondo e la fratellanza tra i popoli, OK? Ma posso fare ben poco a riguardo, perlomeno questo pomeriggio. Ciò che posso fare, invece, questo pomeriggio...”. Manuela mi fece un gran sorriso. Nella mia testa cominciò a germinare l’idea vaga di come sarebbe andata a finire la faccenda.
“Ma è impossibile, ti dico. Hai sentito anche tu. Ventisette chilomentri di coda. Io lo esaudirei anche, il tuo desiderio. Ma come faccio? Eh? Dimmelo tu, come faccio?”
“Se davvero hai in mente di esaudire il mio desiderio allora sta a te inventarti come fare. Dovrò mica dirtelo io. Io voglio soltanto che mi accontenti. Punto”.
“Ma che discorso è!”, alzai la voce. “Ma senti che razza di discorso! Ah, è facile così. Comoda. Davvero comoda”.
“Guarda che vale altrettanto per me, che ti credi?”
“Cosa vorresti dire?”
“Io ti ho mai domandato come devo fare per soddisfare i tuoi desideri?”
“Che... cosa?”
“Ho chiesto sei ti sei mai dovuto preoccupare di spiegarmi come soddisfare i tuoi desideri. La risposta è no. Vuoi una dimostrazione?”
Incrociai le braccia sul petto. “Ah, si capisce!”
“Seguimi di sopra”. Manuela s’incamminò su per le scale. Ogni tre gradini si levava un indumento e lo faceva volare in aria.
Spensi la radio e mi affrettai a seguirla.
“Allora, sbrigati! Ti vuoi muovere sì o no?”
Manuela uscì di casa saltellando, con le scarpe slacciate. “Sì, sì”.
Chiusi la porta e m’incamminai lungo il viottolo. Camminavo veloce e muovevo le braccia avanti e indietro come un maratoneta.
“Si può sapere che fretta hai?”
“Non c’è tempo da perdere. Muoviti”.
“Ma dove diavolo stiamo andando?”
“Zitta e pedala. Hai detto che dovevo pensarci io? Bene. Ci sto pensando”.
Mezz’ora più tardi ci imbarcammo sul Milano-Bologna delle diciannove e qualcosa. Il treno era pieno all’inverosimile. Trovammo spazio nell’interstizio che collegava l’ultimo vagone al penultimo, disturbando due tizi che smisero di sbaciucchiarsi.
Fu così che evitammo i ventisette chilometri di coda.
E il controllore.
Il Campo Volo di Reggio Emilia non distava molto dalla stazione. Qualche centinaio di metri. Giunti a destinazione comperammo due biglietti ed entrammo nell’arena.
L’arena era grande quanto quattro campi da calcio messi di fianco. Su un lato c’era un palco imponente con due maxischermi ai lati e, sul diametro opposto, un altro palco di poco più piccolo. In mezzo, era in corso un improponibile match all’ultima goccia di sudore tra duecentomila spettatori che rumoreggiavano, fumavano, bevevano birra, ruttavano.
 “Madonnasanta”, esclamai. “Qua mi sa che se va bene riusciremo a intravedere qualcosa nel maxischermo. Ehi, Manu, torna qui. Vorrai mica infilarti nella calca?”
“Quello che vuoi tu, Albi. Oh, come sono felice!”
“Vieni con me”. La presi per mano.
Ordinammo due birre al chiosco e finimmo per sederci in terra, le gambe incrociate, nella terra di nessuno. Eravamo ad almeno cento metri da ciascuno dei due palchi più grandi. Dappertutto, però, c’erano dei pali con delle casse. Ne indicai uno. “Non vedremo un tubo, ma sentiremo perfettamente anche da qui”, sentenziai. Mi accesi una sigaretta.
Manuela faceva sì, sì con la testa. Frizzava come una bottiglietta di Perrier.
Si avvicinò un tale.
“Scusa...”
“Sì?”
“Non è che per caso avresti una sigaretta?”
Lo guardai. Indossava un buffo giubbotto arancione di plastica con scritto sopra STAFF.
Infilai una mano in tasca. “Lasciami indovinare”, dissi, “sei qua da stamattina alle otto e hai finito le paglie da sei ore”.
Il tizio guardò in alto “Magari le otto”.
Nel pacchetto che estrassi dalla tasca c’erano solo cinque sigarette. Glielo allungai. Lui ne prese una.
“Piglialo pure tutto. Così dovresti sopravvivere almeno fino a mezzanotte”. Gli feci l’occhiolino.
“E tu?”
“Ne ho un altro pieno”.
Il tizio prese il pacchetto, estrasse una sigaretta, la accese e fece un lungo tiro. Poi mi ringraziò e se ne andò.
Mi rimisi a parlare con Manuela.
“Scusa?”
“Sì?”
Era il tipo di prima.
“Ho pensato una cosa”. Tirò fuori due striscioline di plastica rossa. “Li vedi questi? Sono due braccialetti. Con questi al polso teoricamente potete arrivare nell’aera dedicata ai fan club, davanti al palco”.
Gli occhi di Manuela si accesero come due retronebbia.
“Perché teoricamente?”
“Be’, per arrivarci devi passare in mezzo a quell’oceano di gente”.
Il tizio ci legò attorno al polso i braccialetti. “Buona fortuna”, disse. E se ne andò nuovamente.
Guardai l’ora. Erano le nove meno un quarto. Il concerto iniziava alle nove e un quarto. Trenta minuti per fendere una folla di duecentomila persone. Improponibile.
“Manu, il tizio è stato davvero gentile, ma io lascerei perdere. Manu?”
Alzai gli occhi. Manuela era avanti trenta metri. Stava sgomitando con qualcuno. “Albi, muoviti che non mi voglio perdere l’inizio!”

(continua ...)

UFJ [ufj@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [0 commenti]
Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata