visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
22.12.2005
CONSIGLI INUTILI - 1
Che pacco il Natale!
Autore: Pigi

Un caro saluto a tutti voi, amici lettori, in questa inutile rubrica vi porterò per mano a respirare il vero spirito della festivit? più importante dell'anno: il Natale, un evento il cui significato religioso si esplica puntualmente ogni anno nel fenomeno della transustanziazione degli Euro in regali.
Il rito del Natale, come ben sapete, prevede che per dimostrare il nostro affetto al prossimo, si debba dissanguare volontariamente tredicesima e quattordicesima donando pacchi, pacchetti e pacchettini a destra e a manca, come degli improvvisati Babbi Natale senza adipe e barba bianca.
Se a prima vista fare un regalo sembra l'attivit? più semplice del mondo, in realt? consta di sottili strategie e tatticismi che, a confronto, gli schemi di Marcello Lippi o i piani del Generale Custer risultano giochi da bambini.
Ma bando alle ciance ed entriamo a spron battuto nel magico mondo del Natale e nell'arte del regalo.

LA RICERCA DEI DESTINATARI OVVERO REDAZIONE DELLA LISTA DI BABBO NATALE
La prima cosa da fare quando si avvicina il Natale è domandarsi "oltre a Pigi, a chi farò il regalo?".
Domanda sciocca, ma a pochi giorni dal Natale, diventa il primo quesito a cui bisogna dare risposta se non si vogliono passare delle notti insonni.
Se il vostro budget natalizio è risicato, potete dormire sonni tranquilli perché la risposta è immediata: nessun altro ricever? un regalo, eccetto chi da queste inutili pagine vi scrive e vi consiglia (contattatemi ore pasti per scoprire cosa regalarmi; se siete giovani e carine, potreste gi? essere voi un ottimo regalo).
Se invece avete denari in abbondanza o avete appena aperto un mutuo trentennale per affrontare la festivit? natalizia o siete direttori di banca e potete accedere facilmente ai liquidi dei vostri correntisti, allora, cari amici lettori, fate come quel grassone dal costume rosso e dalla barba bianca: prendete carta, penna e calamaio e definite una lista di potenziali destinatari dei vostri doni.
Tra tutte le persone che conoscete, bisogna individuare quelle che riceveranno un vostro pensiero e quelle che invece rimarranno a mani vuote.
Mi raccomando, però, è Natale, non vale fare gli sboroni coi propri conoscenti, mostrando loro una lista contenente i nomi di vostri "carissimi amici" quali Tony Blair, Papa Ratzinger e Indiana Jones!

QUANDO COMPRARE UN REGALO
Logica vorrebbe che i regali venissero acquistati con un anticipo direttamente proporzionale alla lunghezza della suddetta lista di Babbo Natale, ma si sa che la logica è talvolta estranea all'uomo.
Certo, comprare un regalo ad agosto alla propria fidanzata può essere rischioso, perché a Natale la fidanzata potreste non averla più, ma in questo modo evitereste di prosciugare in un colpo solo tutto il vostro conto corrente, senza poi dover andare la domenica a rubare l'elemosina in chiesa per comprarvi la ricarica al cellulare.
Se pensate, da uccelli del malaugurio quali potreste essere, che comprare i regali con largo anticipo possa portare sfiga alle vostre relazioni sociali, ma d'altro canto non volete rischiare un crack finanziario con una spesa natalizia concentrata in pochi giorni, avete due opzioni a vostra disposizione:
A) mollate voi per primi la fidanzata, risparmierete un sacco di soldi, prevenendo una potenziale delusione amorosa;
B) scegliete un regalo "paracadute" per la vostra fidanzata, cioè qualcosa che non vada sprecato nel caso la storia con lei andasse a rotoli prima di Natale. Ad esempio, in previsione del regalo natalizio per la mia ragazza, ho comprato a settembre un rasoio elettrico talmente multifunzione da tagliarci anche l'erba nel giardino. Se a Natale saremo ancora insieme, le regalerò il rasoio spacciandolo per un tosaerba, altrimenti lo userò io per radermi la barba e i peli nel naso.

IL DOPPIONE
Cosa avete regalato al vostro babbo lo scorso Natale?
Una cravatta rossa? E lo stesso ha fatto vostra madre, vostra sorella, quel vecchiaccio del vostro vicino e pure il vostro cane?
Se quest'anno volete evitare che il vostro babbo possa decidere di impiccarsi al ramo più alto dell'albero di Natale con una delle cravatte rosse, scelta per l'occasione dalla sua collezione di cravatte rosse, è giunto il momento di mettere in moto quei due neuroni che ancora prendono polvere nel vuoto dei vostri cervelli e di pensare ad un oggetto che nessun altro gli regaler? . Qualcosa di esotico, di unico, raro ed originale come, ad esempio, potrebbe essere un bel paio di corna di gnu per la vostra fidanzata o il vostro amico arbitro, e che sicuramente risulter? indelebile nella loro memoria.

IL REGALO INASPETTATO
Per quanto si possano fare previsioni su chi vi far? un regalo, in modo da essere sempre pronti a ricambiare, capita spesso l'imprevedibile, cioè che qualcuno suoni alla vostra porta con un regalo inaspettato.
Prima di aprire, verificate l'identit? di questa persona e, soprattutto, cercate di capire se reca con sé qualche pacco per voi.
Se siete dotati di videocitofono siete a posto: nel caso non abbiate fatto un regalo a questa persona, basta semplicemente non rispondere, fingendo di non essere in casa, in modo da guadagnare tempo prezioso per rimediare alla vostra dimenticanza.
Se, sfortunatamente, siete sprovvisti di videocitofono e, incautamente, fate entrare comunque questa persona in casa vostra, avete pochi secondi per evitare una figura barbina.

Soluzione uno (anche nota come operazione "Roulette Russa"):
prendete un regalo a caso tra quelli che ancora dovete consegnare, sperando di non aver scelto quello contenente il collier di diamanti per la fidanzata. Se all'apertura del pacco siete sopravvissuti ad un più che giustificato attacco d'infarto, e nelle mani del vostro ospite si trova effettivamente il collier di diamanti, non appena egli lascer? casa vostra, finitevi con un colpo di rivoltella alla tempia.
Se, invece, nelle mani del vostro ospite si trova un bel paio di mutandoni rossi che volevate recapitare alla vostra arzilla nonnina, e quell'ospite è il vostro capo: finitevi comunque con un colpo di rivoltella alla tempia.

Soluzione due (anche nota come operazione "McGyver"):
prendete la prima cosa che vi capita sotto mano e impacchettatela alla bell'e meglio. Ad un mio collega che mi aveva inaspettatamente regalato un libro, ho ricambiato con uno schiaccianoci incartato nel Domopak, vantandomi, mentre scartava la stagnola: "Ho sempre saputo che eri un patito di Tchaicovsky".

Soluzione tre (anche nota come operazione "Harakiri"):
se chi vi fa il regalo inaspettato è un gran bel pezzo di figliola, datevi dei pirla per esservela dimenticata, quindi consegnatele uno spiritoso biglietto con scritto "Buono valido per un'ora di sesso con me". Se la ragazza non vi ha ancora colpito negli zebedei, avete buone speranze che il vostro dono venga prima o poi consumato.

IL BON TÒN
Capita, a volte, di ricevere un regalo così brutto che se lo donaste alla discarica comunale, nel giro di cinque minuti vi sarebbe rispedito indietro con raccomandata con ricevuta di ritorno, accompagnato da un biglietto del tipo "se ci riprova, la denunceremo".
E capita anche, mentre reggete tra le mani quel dono disgustoso, di trovarsi di fronte alla persona che ve lo ha regalato e che si aspetta un ringraziamento per il suo bel gesto natalizio.
Ma no, a Natale non si può. Non si può diventare verdi, trattenendo a stento la nausea e iniziando ad emettere rauchi conati di vomito, ogni volta che il vostro occhio cade sul regalo che reggete tra le mani. Così come non si può usare il regalo ricevuto come arma contundente per colpire ripetutamente la scatola cranica di chi ve lo ha donato.
Sareste davvero imperdonabili, perdindirindina! E' Natale!
Quindi, meglio dare un paio di suggerimenti in modo che possiate affrontare preparati questa incresciosa situazione.
Regola numero uno: divaricate le labbra e sorridete, va bene anche uno stato di semiparesi facciale: il vostro interlocutore si convincer? di aver colto nel segno.
Regola numero due: mai guardare verso il regalo, un conato di vomito è sempre in agguato.
Regola numero tre: pensate a qualcosa di bello, come al momento in cui da perfetti artificieri farete brillare quel regalo come fuoco d'artificio per il capodanno, e cercate una frase di apprezzamento per conquistare il vostro donatore.
Se seguirete questi pratici consigli, oltre ad essere premiati alla prossima notte degli Oscar, riuscirete nell'intento di far sentire al vostro interlocutore che il suo regalo è stato apprezzato.
Purtroppo, tutto ciò non vi eviter? di ricevere il Natale venturo un altro stupido regalo.

REGALI SULLA BILANCIA
Un'altra situazione da evitare è quella in cui vi trovate a regalare un portachiavi, ricevendo in cambio un Rolex. Sicuramente un momento quantomeno imbarazzante, ma facilmente evitabile con una semplice analisi storica accompagnata da una previsione statistica.
Durante la creazione della lista di Babbo Natale, è fondamentale scrivere a fianco del nome del destinatario, i regali che questi vi ha donato nei Natali passati, facendo una stima del loro valore economico pesata per l'inflazione dell'anno corrente.
Questa tecnica di analisi storica, porta quindi ad una previsione di quale sar? il valore del regalo che riceverete quest'anno, dandovi quindi un indizio fondamentale sull'entit? della spesa che dovrete sostenere per evitare inutili figure barbine.
Se nei due Natali passati, il vostro amico Anselmo vi ha regalato una penna a sfera e un CD di Bruno Lauzi, e siete pure riusciti a fargli credere che vi siano piaciuti, è facile prevedere che quest'anno il valore del suo regalo si aggirer? al massimo sui 10 Euro.
Purtroppo non sempre un'analisi storica è possibile, e ciò accade quando il nome presente nella lista di Babbo Natale viene inserito per la primissima volta.
Occorre quindi usare un po' di psicologia ed avere una buona botta di culo.
La domanda da farsi è "perché ho inserito questa persona nella lista e non l'ho mai fatto negli anni precedenti?".
Le risposte possono essere molteplici: da "prima di quest'anno non la conoscevo", a "è il mio nuovo capo al lavoro", e possono aiutarvi a capire qual'è l'importanza di questa persona nella vostra vita.
A seconda della risposta, i regali da effettuare possono essere classificati in tre tipologie:

regalo di cortesia:
più di tanto non vi importa di questa persona, fare un regalo sicuramente non vi porter? vantaggi, ma la cosa più importante è che non vi arrecher? degli svantaggi. Qui basta solo un pensiero per mantenere inalterato lo stato dei rapporti sociali tra voi e il destinatario del regalo. Regalo di cortesia è sempre sinonimo di regalo di diplomazia.

regalo della speranza:
state cercando di portarvi a letto una supertizia che ancora non cede alle vostre avance, oppure il vostro capo ha bisogno di un essere un po' leccaculato per farvi avere la promozione che tanto agognate. Qui è necessario mettere mano al portafoglio in maniera pesante, un investimento a fondo perduto tipo quelli nel Mezzogiorno, che potrebbe regalarvi però delle grosse soddisfazioni.

regalo standard:
generalmente il destinatario di questo regalo è una persona a cui vi siete particolarmente legati nell'ultimo anno, in questo caso non c'è da spendere cifre astronomiche, ma scegliere accuratamente un regalo nel rispetto del vostro conto corrente e dei gusti di chi il regalo lo ricever? .


Ebbene, amici lettori, ora che grazie a questo sapiente articolo avete fugato tutti i vostri dubbi su come affrontare la questione dei regali natalizi, non vi rimane che tirare le renne fuori dal garage e dirigere la vostra slitta verso il centro commerciale più vicino!

Un cordiale Oh-oh-oh a tutti voi,

PIGI [pigi@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [1 commento]

Non male l'idea delle corna di gnu. O almeno lo credevo... fino a quando la mia donna ha scartato il regalo e me le ha infilate dove so ben io...

Lorenzo | 29.12.2005  11:56 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band più media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La città degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata