visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
30.12.2005
CAPODANSIA
La psicologia di un giorno "speciale"
Autore: French

Sono anni ormai che temo l'arrivo del 31 dicembre.
Vengo fagocitato da una sorta di ansia da prestazione.
E ovviamente il fallimento Ŕ alle porte.
Mica come quando ero bimbo che si compravano i petardi, a mezzanotte si faceva saltare in aria qualche cassetta della posta, e la felicitÓ era forte come l'odore dello zolfo, o come le legnate in arrivo se ti beccavano.
Ora si Ŕ grandi, bisogna organizzasi, non si Ŕ pi¨ diretti dal caso come in passato.
Tutti lo hanno giÓ fatto tranne qualche reietto della societÓ che ancora, come me, non sa cosa fare. Mine vaganti in cerca di un posto qualsiasi dove esplodere. Dove? Con chi? PerchÚ proprio lý? ╚ ansia.
Si annusano qua e lÓ le opportunitÓ offerte.
Si sente nell'aria la bramosia di un giorno indimenticabile, che porta alcuni a migrare, a festeggiare nelle piazze, che pi¨ sono lontane e meglio Ŕ. Capodanno a New York, a Parigi e Londra, le capitali della festa pirotecnica: dodici gradi sottozero e temporanea paralisi del testicolo destro che impedirÓ quella copulazione che tanto viene auspicata proprio nell'ultima notte dell'anno.
Altri festeggiano in favolose localitÓ esotiche dal clima tropicale, col cubalibre al posto dello spumante e l'ananas al posto del panettone. Tornano abbronzati, ancora in ciabatte, e non si ricordano se hanno festeggiato ferragosto o l'ultimo dell'anno. San Lorenzo o San Silvestro.
Tutti vogliono qualcosa da raccontare. Questa Ŕ la realtÓ.
Anche chi dice che tanto non gliene frega niente, mente.
Tutti vogliono qualcosa di memorabile, la parola d'ordine Ŕ: "speciale".

La mia, invece, Ŕ la politica della "normalitÓ".
Perlopi¨ Ŕ vista come un ripiego. Ma io l'adoro la normalitÓ.

Serve una tavola imbandita di tre cose essenziali:
gli amici per avere qualcuno con cui brindare.
Il torrone, per rompere la prima capsula dentale del nuovo anno.
Il vino, per avere qualcosa con cui brindare e per sentire meno dolore possibile durante la rottura della capsula.

Serve un buon cuoco. Va beh, ci si accontenta, ma per favore non scendiamo troppo sotto la soglia della commestibilitÓ, e niente piatti di plastica, passino i tovaglioli di carta, per˛ le forchette di metallo.

Serve qualcuno che fa il conto alla rovescia, meno tre, meno due, meno uno, stappa la bottiglia di uno spumante inclassificabile, non prima di aver finto di colpire un presente col tappo; poi grida "eeeehhhh" e comincia a dare baci a destra e sinistra augurando buon anno, facendo auspicii sibillini. Allora c'Ŕ chi si sente autorizzato a gesti volgari ma apotropaici, tipo toccarsi gli attributi.

Serve un televisore sintonizzato su una trasmissione condotta da un manipolo di idioti che cerca invano di trasmettere allegria.

Serve qualcuno che dice di andare sul terrazzo a vedere i botti. Lo faccio volentieri perchÚ alcuni spendono una fortuna in petardi e bisogna gratificarli; hanno un arsenale potenzialmente bellico: razzi terra-aria, aria-aria, ma soprattutto i temibili terrazzo-terrazzo, perchÚ nel casino generale Ŕ l'occasione buona per vendicarsi dei vicini.

Serve un camino e qualcuno in grado di accenderlo e mantenerlo acceso.

Serve qualcuno che, a una cert'ora, propone di giocare a monopoli. Ma, i presenti, nella migliore delle ipotesi hanno ancora mezza palpebra aperta, nella peggiore sono riversi in gravi condizioni sul tappeto.

Serve allora qualcuno che, con veemenza, in un momento di luciditÓ, rialza l'altra palpebra e manda quel qualcuno di cui sopra a evacquare il fardello intestinale che la cena gli ha procurato.

Serve qualcuno che comincia a russare in sottofondo, vicino al camino, a bocca aperta, e periodicamente dÓ un'alitata alcolica al fuoco per ravvivarlo.

Serve qualcuno che pone fine alla serata, c'Ŕ ancora qualche sopravvissuto? Tutti in coma, e la mia ansia Ŕ ancora lý, dove sar˛ tra un anno a quest'ora?

FRENCH [french@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [4 commenti]

Bravo! E' scritto bene, e qualcuno ci ha pure creduto. Buon Anno.

Paolo Piccagli | 03.01.2006  12:59 

Serve una chitarra e uno spinello?

Bob Malley | 30.12.2005  17:37 

Non ├â┬Ę mica vero che la festa dell'ultimo porta l'ansia.
E' un inno alla saggezza, si caccia un anno di guerre e di lutti e si accoglie a braccia aperte un nuovo anno di truffe e di attentati.
E' una cosa talmente saggia che io propongo un'adeguata festa anche l'ultimo del mese, l'ultimo delle stagioni, l'ultimo della settimana, quando ci aspetta a braccia aperte il sabato del villaggio.
In pi├â┬╣, a voler essere precisi, festeggerei anche il luned├â┬Č mattina e il mezzogiorno, tappe dense di significato.
Mi dispiace che i nostri ultimi siano cos├â┬Č tristi, mi dispiace che li subiamo, come tutto il resto.
Ora ti lascio, vado a farmi il fiato davanti al camino, l'ultimo devo alitare.
Vorrei augurare all'autore come a tutti i lettori buon anno, ma mi suona un po' beffardo.
Diciamo buona merenda.

robirobi | 30.12.2005  15:10 

Sarai ancora con un gruppo di amici, davanti ad un camino tenuto acceso dalle alitate di qualcuno di loro. Ci sar├â┬á di certo qualche trasmissione scema in TV, oserei dire condotta da Costanzo, e ad un certo punto della serata qualcuno tirer├â┬á fuori Monopoli che ormai esiste da secoli e quindi perch├â┬Ę interrompere la tradizione proprio ora? Ah: nonostante i 3000 tentativi di proibirne la vendita, ci saranno ancora i botti...
E quindi perch├â┬Ę definire tutto ci├â┬▓ con il termine 'ansia'? Non ├â┬Ę forse tutto quello che ognuno di noi vorrebbe ma si vergogna ad ammettere? Sar├â┬á che c'ho il terrore dell'aereo, ma io a fare il capodanno in una capitale sperduta seppur bella, non ci penso proprio...a meno che non si tratti della nostra di capitale..

betty | 30.12.2005  11:52 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi¨ media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La cittÓ degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata