visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
16.03.2012
VACAMAD?NA
Autore: UfJ

Vado un po’ forte e l’insegna del ventiquattrore la vedo all’ultimo. Tiro un frenone e accosto cigolando i copertoni. Scendo. L'afa mi aggredisce simile a una centuria di accappatoi bagnati. Davanti a me, a cavallo di un mucchio di tubi con scritto sopra Graziella, un tizio di mezz’età in canottiera e ciabatte, le guance rubizze, la pinguedine di tutt’una vita di dedizione al lambrusco, sulla testa una manciata di ricci color caccadipiccione aggrovigliati come una salsola.
Una di quelle persone che commentano tutto quello che fanno, presente?
Scende dalla bicicletta, poggia una mano sui lombi: “L’a m’lèsa stèr brisa c’la schina d’merda, vacamadöna”.
Ha in mano un triangolino di carta unto e stropicciato come una pagina di giornale con dentro un culatello. Sono cinque euro. “A m’i a dé al p’chèr ierdlà, vacamadöna”. Li infila nella fessura. Pochi istanti e la macchinetta, naturalmente, li sputa. “Co’ gh’ani che vàni miga bén, vacamadöna” e sferra un calcione alla macchinetta. “Adésa t’vèd che t’ia ciàp, vacamadöna”. Infila nuovamente la banconota. Stesso risultato. “Vacamadöna”. Infila la mano in tasca per cercare degli spiccioli. “E guardi sa g’ho dal monédi, vacamadöna”. Li trova. “I’ én chi, vacamadöna”. Li infila nella macchinetta, uno per uno. “Von du tri e quater, vacamadöna”.
Schiaccia maldestramente il bottone delle MS morbide. “Chi bagai chi son pù picén dal me dii, vacamadöna”. Si allunga verso la fessura per afferrare il pacchetto ma il salvagente di adipe fa da spessore. “E fèrla pù in élta, vacamadöna”. Inspira profondamente. Scende dalla bici e si china nuovamente. “Pòvra pòvra la me schina, vacamadöna”. Infila la mano nella fessura, ma non trova il pacchetto. “Mo’ ’ndo’l s’é frucè, vacamadöna”. Finalmente lo trova. “A l’ho catè, vacamadöna”.
Sempre dettagliando, si risiede sulla bicicletta, apre il pacchetto, getta in terra la stagnola, afferra una sigaretta coi denti, gli cade, scende dalla bici a raccattarla, la infila in bocca arrovescio, la gira, infila la mano in tasca alla ricerca dell’accendino.
Si arresta.
Si guarda intorno spaesato. Ci siamo soltanto io, un rave di zanzare attorno al lampione e qualche chilometro cubo di umidità.
“Gh’et da pièr?”, chiede.
“T’al po’ dir, vacamadöna”, e gli allungo l’accendino.
Sorride a labbra strette per non far cadere la sigaretta. La accende e mi restituisce l’accendino. Soffia fuori una densa nuvola di fumo. Mi appoggia una pacca sulla spalla. “Adésa stàg mèi”, dice. Sale in sella e faticosamente riparte. Qualche metro e si gira verso di me. “CHE CHÈLD, VACAMADÖNA”, sbraita, e mi fa l’occhiolino.

UFJ [ufj@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [0 commenti]
Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi? media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt? degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata