visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
29.03.2006
NON GUARDATE QUELLO SCHERMO...
Autore: Fratearrigo

I film peggiori della mia breve ma intensa carriera di spettatore me li hanno inflitti gli amici.
I danni prodotti dalle amicizie sono spesso incalcolabili: ti convincono a fare o a pensare cose che normalmente non ti sogneresti nemmeno di prendere in considerazione.
Come, ad esempio, trovarsi in casa di qualcuno per vedere un paio di videocassette scovate in posti nei quali avrebbero fatto meglio a rimanere sepolte, oppure recarsi al cinema per assistere a qualcosa che altri si sono sentiti in dovere, spinti da chiss? quale sadica pulsione, di consigliare.
La palma della peggior fetecchia mai vista su uno schermo spetta a "Bloody Mallory", indigeribile pastrocchio horror di fabbricazione transalpina.
La protagonista una cacciatrice di roba tipo vampiri e mostriciattoli vari. Ha avuto un marito demone che stata costretta (se non ricordo male) a eliminare. La aiutano: una bimbetta telepatica e telenonosocosa, di cui ho fortunatamente rimosso il nome, talmente odiosa che meriterebbe di essere sepolta a forza di badilate sul cranio; un travestito di colore, vestito in maniera oltraggiosa, alto quasi due metri e dall'agghiacciante nome di Vena Cava; una specie di prete d'assalto belloccio ma agile quanto una lumaca spastica.

Al secondo posto, si piazza "Warning", altro capolavoro impostomi dai miei amici. Si tratta di una copia maldestra e infame del gi? brutto "Signs", che feci l'errore di comprare in videocassetta ad un mercatino dell'usato, terza pellicola del regista di un film che annovero tra i miei preferiti: "Il sesto senso". Come abbia fatto costui a partorire un simile banale ammasso di sciocchezze cosa che rester? fra i misteri che mai mi riuscir? di decifrare. In ogni caso, prendete "Signs", banalizzatelo (sempre che questo sembri possibile, ma vi assicuro che lo ), utilizzate effetti speciali che neanche i videoamatori, e otterrete "Warning". Sul quale non vale la pena che io aggiunga altro.

Al terzo posto, il classico esempio di come possa tragicamente perdere la propria dignit? un regista ai suoi tempi strepitoso quale era il grande Blake Edwards: "Il figlio della pantera rosa". Questo l'ho visto al cinema, quando ancora il biglietto si pagava in lire. Dodici biglietti da mille per vedere un uomo sputtanarsi cos. E' stato allora che l'ho giurata a Benigni (il "figlio", peraltro illegittimo, del titolo era lui). Non ho mai pi guardato una pellicola con lui come protagonista.

Quarto posto per "L'ombra del lupo". Cast a dir poco stellare: Sutherland padre, Toshiro Mifune e Lou Diamond Phillips, sempre che non ricordi male. Storia di una comunit? esquimese o gi di l che si trova a dover affrontare guai con la giustizia degli uomini bianchi. L?unica cosa meritevole di questa pellicola l'amante del vecchio Mifune, che viene spietatamente scopata dal figlio. Sul resto, tenderei il proverbiale e pietosissimo velo.

Chiude la rassegna "Dragonfly", sorta di thriller paranormale interpretato da Kevin Costner. Per la serie: evitate di seguire (in tutti i sensi) i consigli di certe amiche. Un bell?uomo non fa un bel film. La trama? Un uomo rimane vedovo della mogliettina, peraltro incinta, andata a cacciarsi in Amazzonia o in qualche altra sperduta localit? , e comincia ad avere strane visioni. In pratica, la moglie che gli sta indicando la strada per andare a recuperarsi la prole, affidata ad una qualche trib autoctona.

Francamente: a me le vaccate piacciono. Ho visto (e successivamente comprato) materiale che voi umani manco ve le sognate non dico di notte ma di giorno e pure a occhi aperti: "Cobra", "Commando", "Invasion USA" e via di questo passo. Tutta roba diventata "cult", che tutto sommato mantiene salda una sia pur labile dignit? . Per, perfino io mi pongo dei limiti. Oltre i quali non vado. Anche perch mi ci spingono.

FRATEARRIGO [fratearrigo@hotmail.com]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [10 commenti]

Ma no, Uf].
Perché mi dovrei incazzare?
Non ho visto il Dracula che cerca sangue di vergine, ma meriterebbe soltanto per il titolo.
Il cinema di genere italiano aveva una sua dignità.
Quella che ho citato io, invece, è robaccia...
Io sono un estimatore di Anthony M. Dawson - al secolo Antonio Margheriti - di cui possiedo Arcobaleno selvaggio, Car crash, I sopravvissuti della città morta e La leggenda del rubino malese.
La trasposizione di Ken me la sono persa, ma ne ho un frammento in MPG (in lingua originale).
Terribile...
Chiudo con un ringraziamento a Betty per la sua solidarietà.
Se mi capita di vedere altre improponibili sconcezze, ve le segnalerò (così le evitate anche voi...).

fratearrigo | 31.03.2006  08:27 

Un altro film assolutamente da evitare è "Fist of the north star", trasposizione con attori in carne e ossa di "Hokuto no Ken", il mitico "Ken il guerriero". Spero che Ken abbia dato un paio di sberle delle sue a quello sciagurato regista!

pigi | 30.03.2006  15:15 

;-( lacrimuccia.
Dopo aver letto il tuo commento mi sono commosso.
Il solo ricordo della rivisitazione in chiave tromesca
di Romeo e Giulietta mi fa accapponare la pelle.
Che tempi ... quanti film!
Ora riesco a malapena a ritagliare qualche ora, ogni tanto, quando tutti dormono.
Grazie per la segnalazione. Non mi ricordo di averlo visto. Lo metto immediatamente nella coda di visione (Subito dopo "La Montaña sagrada")

Mr.tetsuo | 30.03.2006  13:14 

Toxic avenger ma anche il teen-movie Class of nuke'em high, il porno-horror Surf nazis must die che a Point break gli fa 'na pippa, il Russ-Meyer-iano Chopper chicks in zombie town, le due tremende vecchine di Rabid grannies ma soprattutto lo scespiriano Tromeo & Juliet.
...andati i tempi in cui non trombavo e mi guardavo tre film al giorno... andati i tempi di tele più 1 e le rassegne sulla Troma, su Mojica Marins e sul cinema hard...
Caro Tetsuo - che film quello! - farò incazzare fratearrigo ma un consiglio me lo concedo: "Dracula cerca sangue di vergine... e morì di sete": prima di mandarmi affanculo leggiti il cast su imdb...

UfJ | 30.03.2006  09:42 

Confermo, "the avengers" era proprio un film patacca, nonostante attori come Ralph Fiennes, Sean Connery e Uma Thurman.

pigi | 29.03.2006  18:58 

Con la parola avenger mi avete fatto tornare in mente un amico pirla, molto pirla, che riuscì a convincermi ad andare a vedere "The avengers"... con Connery travestito da orsacchiotto. Double thumb down spettinato con disonore massimo.

Del | 29.03.2006  17:15 

Noooooo!!!!
the toxic avenger!!!
ne avevo visto qualche minuto, anni fa e sembrava decisamente sborone.
Mi sa che vado a cercarlo.
Buona visione!

Ra | 29.03.2006  11:49 

Certo che sei stato decisamente sfortunato. Io che macino film dalla tenera eta di 5 anni ho evitato alla stragrande tutti i titoli che hai citato. Non mi sono fatto fregare.
Io gioco d'anticipo.
Non accetto mai un invito da chi non è riuscito ad apprezzare capolavori come "The Toxic Avenger" e "Denchu Kozo no Boken" (L'avventura del ragazzo del palo elettrico)

Mr.tetsuo | 29.03.2006  11:19 

Pensavo di avere un credito da riscuotere con i miei 'amici' da quando mi han trascinata a vedere 'L'acchiappasogni', ma dopo il tuo articolo ho scoperto che c'è chi è messo peggio di me...

Betty | 29.03.2006  10:58 

Amico frate, lasciati consolare da un compagno di sventura. Grava come un macigno sulla mia coscienza il noleggio di "Shark", D-movie sugli squali, in cui in mezzo a una recitazione da teatrino da oratorio spicca la storia di uno squalo preistorico che si incazza perché fanno una dorsale oceanica di cavi elettrici e si vendica mangiando barche intere. Purtroppo non riesco a rendere sufficientemente bene l'orrore che mi ha ispirato il film, non nei confronti degli squali, naturalmente, ma del mondo del cinema...

Del | 29.03.2006  10:45 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata