visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
11.05.2006
UN DIAVOLO PER CAPELLO
Autore: Dani

Anche stavolta il momento fatidico arrivato, improrogabile e puntuale allo scadere di ogni bimestre: "L'appuntamento dalla parrucchiera".

Come sempre ho cercato il pi possibile di rimandare la data della tortura ma l'indomabile casco di banane che ormai grava sulla mia testa lascia intendere che giunta l'ora di darci un taglio. Per non parlare del colore; quelli che in origine erano dei naturali e brillanti colpi di sole, ora si presentano come ciocche tinta giallo paglierino che persino uno spaventapasseri a confronto farebbe una figura migliore. Il desiderio di ritornare ad essere presentabile mi ha cos spinto ad impugnare il telefono per fissare un appuntamento.
Ogni volta cerco di convincermi che andare dal coiffeur sia un momento rilassante per distrarsi dalle fatiche quotidiane e farsi coccolare tra profumi fruttati di shampoo e creme; insomma, un semplice gesto di vanit.

Tutta un'illusione!
Non appartenendo n alla schiera delle casalinghe n a quella delle pensionate, l'unico giorno utile per il supplizio risulta essere il sabato. E qui iniziano i problemi: devo fare i conti con la signora sessantenne che il fine settimana vuole sfoggiare un'acconciatura impeccabile per la serata di liscio, con la ragazzina al suo primo appuntamento amoroso che deve stupire il suo principe azzurro con effetti speciali, con la sposa di turno che ha gi occupato mezza giornata per farsi fare un'impalcatura stile impero con mille roselline e altrettanti litri di lacca.

Mi accontento dell'orario pi infelice; d'altronde l'unico rimasto: le 13.30.
Mi bastano cinque minuti di ritardo che gi vengo superata dalla cliente modello, moglie di un noto imprenditore della zona, che solo perch veste Gucci e si pavoneggia ha di diritto la precedenza assoluta. In fondo le parrucchiere di provincia sono maestre di stile e di femminismi.
Mantengo la calma; trovo la scusa di sfogliare una rivista e di arricchire la mia cultura di gossip.
finalmente il mio turno; vengo dotata di un elegante camice di carta stile grembiulino dell'asilo, che fatico ad allacciare e che tanto non baster a ripararmi da quella macchia di acido che puntualmente mira l'unica zona dei vestiti rimasta scoperta.

Mi accomodo al lavatesta ed ecco presentarsi ai miei occhi la scena che pi temevo; ebbene s, la giovane apprendista assunta da due giorni mi si avvicina garibaldina: sono stata selezionata per il suo primo lavaggio. Mi avvolge un asciugamano attorno al collo e per un pelo non rischia di soffocarmi con una manovra maldestra; poi, con una mossa pi affine ad un lottatore di sumo, posiziona la mia testa sul lavatoio e gentilmente mi domanda se preferisco l'acqua calda o fredda. Mi stupisco di questa cortesia, che poco si conf ad una principiante, e rispondo che una via di mezzo sarebbe stata la cosa migliore.
Errore gravissimo! Avrei dovuto giocarmi tutto sul freddo!
L'inesperta pettinatrice, complice la tensione, non riesce a domare i rubinetti e mi scarica sulla cute un getto di acqua con temperatura da ebollizione. Soffro in silenzio, non mi sembra carino fare obiezioni fin da subito; in fondo solo alla sua prima esperienza. Peccato che a questo piccolo inconveniente ne seguano altri. Quello che doveva essere uno shampoo si trasforma in una doccia completa; rischio di perdere l'udito per i litri di sapone finiti accidentalmente nelle mie orecchie; per finire ho la schiena adorabilmente inumidita da rigagnoli di acqua sfuggiti al controllo dello spruzzino. Calma. Forse il peggio passato.

Ora mi aspetta lei, la titolare del negozio, la donna alla cui creativit affidi la tua preziosa chioma. Ogni volta la cruciale domanda a cui non sai se opporre resistenza o fidarti nella speranza che sia la giornata buona: "Faccio io?". Non paga del primo round con la giovane lavanderina, decido di voler sfidare la sorte anche con la moglie di Figaro. Coraggiosa rispondo s; ogni tanto piacevole sapere che qualcun altro sta scegliendo per te. Sono tranquilla, fiduciosa, mentre lei armeggia tra le mie ciocche bagnate. Cerca di distrarmi, porgendomi un malloppo di Novella 2000 che quasi non mi vedo pi nello specchio. Osserva, taglia, sfoltisce. La mia normale posizione eretta non le consente di esprimersi al meglio; mi chiede di non accavallare le gambe, testa di fianco, in gi, ferma, indietro; nemmeno in un'ora di palestra ci si muove tanto. Siamo al tocco finale; la professionista del capello si isola dal chiacchiericcio, si concentra, si incita da sola. "Basta con questi capelli folti, lunghi! Basta con questi tagli da sfinge privi di forma! Ci vuole un po' di scalato, qualcosa di nuovo! Basta aver paura di osare!". E ancora "Mia cara, vedrai che gioiellino! Sarai irresistibile!". In breve mi convince che lei ha ragione e che il mio aspetto pu, deve, migliorare.
Gi mi vedo, rinnovata, un taglio da far invidia alle amiche. Tra le sue mani la mia testa sembra perfetta. Ho ormai dimenticato le scene fantozziane di cui sono stata vittima poco prima. Non vedo l'ora di vedere il risultato finale, il dopo piega. Qualche colpo di spazzola, mezz'ora di phon e un centinaio di capelli strappati compresi nel prezzo. Sul pavimento i resti della battaglia, lo scalpo che, ahim, non potr pi recuperare se non in un tup. "Un po' di gel? un antistatico, lisciante di ultima generazione, contro l'umidit, non appesantisce!"; come fai a dire di no ad un tale slogan pubblicitario? L'importante che tra cinque minuti sar fuori, bella come il sole, con il mio nuovo look. Voil! Operazione conclusa! Finora il mio sguardo era rivolto allo specchio senza in realt vedere nulla; solo all'udire la parola "finito" mi risveglio da quel torpore pensante e oso guardarmi. Con grande stupore, mi vedo perfetta; mi piaccio. Pago, serena; esco a testa alta e fiera dopo tre ore di tensione. Questa volta finalmente andata bene; mi specchio nelle vetrine, mi sembra che tutti mi guardino. Ma tutto un trucco. Ci sono cascata per l'ennesima volta in un eccesso di fiducia. Dopo un paio di giorni, al primo shampoo casalingo, la testa non pi come prima. Il taglio ha assunto una forma ingestibile. Ora non faccio altro che aspettare e pregare che i capelli crescano in fretta.

Tempo due mesi per farmi fregare di nuovo.

DANI [dani@tapirulan.it]

 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli

Commenti [8 commenti]

Dany, quale momento migliore per leggere il tuo racconto, proprio all'indomani della mia seduta dal parrucchiere durata "solo" 2 ore e mezza?? Complimenti per l'ironia con la quale hai dipinto le piccole e grandi "torture" a cui ci sottoponiamo per essere più belle...In effetti la splendida piega fonte di tanti complimenti il primo giorno cede sempre il posto a un cespuglio indomabile, ma...godiamocela finché dura!

Laura | 25.05.2006  12:58 

...beh ma allora queste cose non succedono solo a me... a meno che non sia la stessa parrucchiera!!! e pensare che il piu' delle volte la causa di tutto ciò è il tentativo di distinguerci dalla massa di ragazze e ragazzine dal capello ANONIMO!teniamo duro ragazze ... e brava Dani!!!
Gia

Giada | 20.05.2006  17:33 

Generalmente le donne accusano gli uomini di essere "inferiori". Genericamente "meno intelligenti"... Spesso mi trovo ad ammettere che hanno ragione: le donne sono esseri superiori, più potenti. Ma com'è possibile che siano così fesse da farsi ripetutamente fregare da parrucchiere ed estetiste?

French | 13.05.2006  16:18 

Una volta tanto son felice di essere calvo, senza alcun diavolo per capello, ma con angeli dalle spumose piume che nei mesi invernali giocano a curling sulla mia lucida sfera.

Bilbo | 12.05.2006  11:42 

A costo di suonare banale, non posso che farti i miei complimenti, Dani.
È anche la conferma che la realtà, spesso, è più divertente della fantasia...

fratearrigo | 12.05.2006  07:39 

Che bello ... un giorno anche a me piacerebbe andare dalla parrucchiera, ad esplorare strani e nuovi mondi.
Nel frattempo è dal 1996 che i miei capelli li taglio da solo (senza macchinetta).
Ok, non vengono perfetti, ma dopo una settimana i buchi scompaiono da soli.

Mr.Tetsuo | 11.05.2006  16:24 

Dani sei un mito!!!Abbiamo riso un sacco grazie a te....e ci siamo ritrovate appieno nella tua giornata fantozziana dal parrucchiere. Pensare anche di raccontare una giornata dall'estetista?????

anna mari' | 11.05.2006  16:01 

Continua il "periodo rosa" di Tapirulan, dedicato all'ironia al femminile. Benvenuta, Dani!

Potrei parlare delle mie visite tagliocapellose, consistenti in 15 euro depositati nelle casse del primo discount della capigliatura che notano a bordostrada le mie cornee nel giorno del taglio (che capita ogni sei mesi), ma sarebbe decisamente meno divertente!

Del | 11.05.2006  15:34 

Scrivi un commento | Torna all'inizio | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata