visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
16.08.2006
A CASA DI SAM
Autore: Fratearrigo

Alcuni fanno cos.
Mettono insieme un paio di amici, ramazzano quattro lire da parenti e conoscenti, e ti fanno un film senza immaginare (anche se, sotto sotto, ci sperano) che possa diventare un cult.
, se mi passate l'atroce bisticcio, il caso di "La casa (Evil dead)", horror indipendente di novanta minuti ideato e realizzato nel 1982 da Sam Raimi.
L'idea sempre quella: i soliti bischeri leggono il Necronomicon (uno di quei libri di cui, tanto per intenderci, non bisognerebbe nemmeno SFIORARE la copertina) e finiscono per scatenare le incazzosissime forze del male.
Inutile dire che, come richiede la tradizione del cinema "di genere", ci rimettono tutti le chiappe. Dal primo all'ultimo (o ultima: dipende da dove inizia il massacro).
Il successo inimmaginabile e insperato. Perci, nel 1987, dopo una pellicola demenziale intitolata "I due criminali pi pazzi del mondo" (1985), Raimi opta per un sequel che, in realt, tanto sequel non . "La casa 2 (Evil dead 2)", infatti, che pu contare su maggiori risorse economiche e mezzi tecnologicamente pi avanzati, una sorta di rifacimento ex novo, che se la gioca tutta sul binario dell'eccesso barocco: lo schermo invaso da smorfie, urla ed ettolitri di sangue color nero, rosso, e financo verde.
Mattatore e protagonista assoluto nei panni di Ash, l'attore Bruce Campbell, recuperato dal capitolo precedente. Il nostro ha la (s)ventura di capitare con la fidanzata in una casetta dall'aria familiare
Solita storia: libro proibito, male che impazza. Al punto da invasare Ash e fare a polpette (nel senso pi letterale del termine) gli altri cinque protagonisti.
Per rimediare al casino scatenato, diventa opportuno aprire un varco spazio-temporale, che risucchia anche il buon Ash, proiettandolo nel Medioevo. Il finale prelude anche troppo chiaramente a un terzo film, "L'armata delle tenebre (Army of darkness)", girato nel 1992 dopo la parentesi di "Darkman" (1990).
Siamo di fronte ad un brillante e spassoso omaggio al cinema fantasy. Le atmosfere cupe del primo film sono decisamente abbandonate. Ritroviamo Ash nei panni di un riluttante e improbabile Salvatore, che, prima di tornare nel proprio tempo, dovr neutralizzare, tra gag e contrattempi vari, gli spiriti maligni. Che ritrover, manco a farlo apposta, una volta ripresa la routine del presente.
A chiusura e suggello della vicenda, il memorabile tormentone pronunciato da Ash poco prima di sbaciucchiare appassionatamente la ragazzuola di turno: Dammi un po' di zucchero, baby!....
Il noleggio o acquisto di questa trilogia "casalinga" caldeggiato a tutti coloro che amano il cinema horror ironico, brillante e infarcito di rimandi nonch strizzatine oculari.
"La casa" dovreste guardarlo per capire come si diventa registi "di culto"
"La casa 2" serve invece a verificare l'evoluzione della specie.
"L'armata delle tenebre" non dovete perderlo, se volete divertirvi come matti con un regista di razza.
Insomma, io ve l'ho detto.
A casa di Sam ci si diverte.

FRATEARRIGO [fratearrigo@hotmail.com]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [4 commenti]

Dici bene, Pigi.
Il titolo era quello.
In più, segnalo la presenza del giovane Di Caprio, che viene ucciso in duello proprio da Hackman.
L'altro titolo che hai citato, dovrebbe essere "Ancora vivo". Oltre a Willis troviamo Christopher Walken.
Il film è un rifacimento del film di Sergio Leone in cui Eastwood fa il doppiogiochista («Al cuore, Ramon!»; «Quando un uomo con la pistola incontra un uomo con il fucile, l'uomo con la pistola è un uomo morto», citati a memoria e probabilmente inesatti) e del quale non mi ricordo mai il titolo perché me lo confondo con l'altro...

fratearrigo | 28.08.2006  08:26 

Se non ricordo male, in italiano era "Pronti a morire". Oltre a Sharon Stone capellona, Gene Hackman nei panni dello sceriffo cattivo e Russell Crowe del prete pistola e pistolero. Sul genere pronti a morire, "the last man standing" di Walter Hill, con Bruce "die hard" Willis.

pigi | 25.08.2006  12:17 

gran film anche il successivo the quick and the dead (un lapsus, non ricordo il titolo italiano). metawestern a-la raimi con un cast stellare ed una sharon stone in gran forma...

ufJ | 25.08.2006  10:28 

A sedici anni, con un gruppo di amici, si girò un cortometraggio sul sequestro di Aldo Moro. Sono ancora in attesa che gli venga (giustamente) riconosciuto il titolo di "cult film"...

French | 24.08.2006  18:29 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La citt degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata