ARCHIVIO
 
FOGLIAZZA
  30.08.2008 | 19:41
TORNO SUBITO
 
 

Questo blog se ne va in ferie. Per dirla tutta: era pure ora.
Ma torna, torna abbronzato e riposato, con i solari sono a posto e un analcolico alla frutta.
L'appuntamento è a breve, per riprendere da dove ho lasciato, prima che qualcuno lo trovi e possa dire "E' mio!", per annunciare, finalmente, con orgoglio, che sono stato querelato da tale Achille Mezzadri, che mi accusa di figurare inelegante nel suo blog, http://www.pramzanblog.com/ , tra le foto di Antonio Battei Cassa (doppio cognome in quanto nobile) e Franceschina Per Gli Amici (triplo cognome in quanto non più nubile). 




ps. il virgolettato di Paolo Buzzi è riferito all'inizio dei lavori per la retropolitana pesante di Parma.

Autore: fogliazza | Commenti 3 | Scrivi un commento

  24.08.2008 | 12:16
MEGLIO UN GIORNO DA AGNETTI...
 
 

Da grande vorrei essere come lui, Pino (Peppino, Giuseppino, Geppetto, etc) Agnetti.
Giornalismo con l'edicola maiuscola, colletto bianco come ali spalancate per volare in giro per il mondo, capello da moderato moto ondoso, qualcosa sempre avvolto attorno al collo, come chi non si fa cogliere di sorpresa dall'aria condizionata dell'aereo. La penna sempre rivolta all' orizzonte, dove c'è un conflitto... Pino pure! Dove c'è una missione di Pace... Pino è lì che redige. E l'aria drammatica di quando "reporta" in pubblico o a un microfono, sempre impeccabile allo scatto che immortala l'occhio che ha visto e vissuto, il ciuffo che sfugge ma il palmo di mano placa, come un golpe di pìsskiping.
Da grande vorrei essere come Pino, ma sarà dura, molto dura. Non è facile essere splendido come Pino: i suoi reportage fanno ombra alla luce.

Autore: fogliazza | Commenti 5 | Scrivi un commento

  19.08.2008 | 17:07
A GIOCHI FATTI
 
 

Chissà cosa deve aver pensato (ammesso che il Governo Cinese glielo consenta), l'allenatore Sun alla conferenza stampa di scuse per la delusione nazionale Liu Xiang? "Se fossi italiano... allenatore di pallone... non fregherebbe a nessuno... e invece son qui... che quello che mi spetta lo so solo io... sniff sniff etc etc...".
Povero Sun... 
Nel paese ovaia del commercio mondiale, si ha l'impressione che nulla possa esimersi dal senso propagandistico della cosa. Liu Xiang non è più un atleta, ma un ariano comunista. Il povero Sun non è un allenatore ma un fallito che va rettificato, dal campo di gioco al campo di concentramento.
Penso al nostro paese minuscola italia... all'incapacità di piangere come orgoglio nazional popolare di far sorriso a tutto. Quando non risata grassa. Penso al contributo nostro misto a quello di tutti di aver assecondato la volontà del ventre commerciale del mondo.
Che ne sarà del povero Sun, in un paese dove non ci sono diritti umani, dove l'apparenza è un ordine e la disciplina un rigore, dove tutto s'è mantenuto in vita in nome di un'esistenza votata per scelta di regime al delirio ideologico?
Non c'è commozione nell'allenatore dell'eroe nazionale che la Cina pretendeva: c'è il terrore di chi è a fine corsa e non ha fiato per gridare.
Questa è la mia opinione, almeno questa... Made in Italy. 

Autore: fogliazza | Commenti 0 | Scrivi un commento

  10.08.2008 | 21:36
PACCO SICUREZZA n.3
 
 

Ricevo e volentieri pubblico:

“Ciao parmigiano medio, è bello sapere che in questa città si spendono 1500 euro a notte per mandare a caccia di prostitute telecamere e fotografi. Interessante come fenomeno, quello che accade qui. C'è un assessorato competente all'alimentazione dell'insicurezza: siete davvero avanti. Pagate uno perchè porti la stampa a vedere come è brutto il mondo che ci circonda e come va ripulito a forza di botte e celle di sicurezza.
Botte per le prostitute, mai per i magnaccia; anche qui siete un passo oltre. Tanto gli schiavisti stanno a casa o girano in macchina, che fastidio ti danno a te, parmigiano medio che godi a denunciare la vicina di casa perchè ha la pelle più scura della tua? In realtà non sei razzista, ma invidioso dell'abbronzatura degli stranieri. Non l'hai ancora capito, parmigiano medio, che vengono da posti che stanno più lontano di Ronco Campo Canneto. E' quando ti spiegano la geografia che scoppia la violenza: come quella di Pallini, che anche l'altra sera era in giro per il parco della Pace a fare le ronde. Lui che bacchetta i poliziotti di quartiere perchè stanno dove c'è la luce e non in mezzo all'ombra. E questi che lo mandano palesemente a quel paese. Pallini, che se uno spacciatore lo prende lo usa come mutanda per il fumo da quanto è magro. Uno che suonava negli LSD fa le crociate contro gli spacciatori. Non c'è che dire: avete fantasia. Ecco, la fantasia vi manca solo nelle leggi. Non nelle punizioni. Avete rispolverato la guardiola pur di farvi notare. La tolleranza di chi vi governa si vede in una foto pubblicata su parma.repubblica.it. Lei, africana, prostituta. Schiava due volte, sfruttata da un delinquente e violata da un italiano, parmense se non parmigiano. Lei, che piange in una cella di sicurezza nel comando dei vigili urbani. Ingabbiata perchè sostava senza giustificato motivo al bordo di una strada. I vigili l'hanno caricata, non è chiaro con che modi (anche se dalla foto è facile capire che non hanno usato i fiori), e portata in via del taglio. Chissà quale sanzione le hanno dato. Chissà se l'hanno liberata. Magari l'avete espulsa, oggi con la legge maroni si può: immagino fuori dai cancelli reali del ducato parmigiano: confinata a ronco campo canneto.”

Un passante

Autore: fogliazza | Commenti 4 | Scrivi un commento

  07.08.2008 | 21:55
PERDUTA INNOCENZA
 
 

“Matteo Cambi… o  Matteo Bambi”

Resto senza parole, guardo fisso il televisore, il servizio frusto di TeleBucato, stordito dalla frase di Elisa Nefertari Rosignoli. Sono sconvolto. Guardo mia moglie senza fiatare e lei non ha il coraggio nemmeno di annuire. Mi fissa. Sono assalito da una solitudine inconsolabile. Bambi, il mitico Bambi, il cerbiattino dagli occhi dolci dolci, quintessenza della bontà disneyana, orfano per mano di bracconieri… Bambi… la figura più docile e rassicurante del grande schermo, idolo di grandi e piccini… Bambi: cocainomane! Bambi: dedito all’alcool!! Bambi: trafficante di Rolex!!! Bambi: bancarottiero fraudolento!!!!

Bambi: perché l’hai fatto?

Autore: fogliazza | Commenti 16 | Scrivi un commento

  06.08.2008 | 18:44
FARE SISTEMA n. 2
 
 

Ricevo, e volentieri pubblico, questo pezzo, uscito alcuni giorni fa su PolisQuotidiano. Dopodichè ci mettiamo una bella pietra sopra (anzi un monumento di Cascella che il Comune non sa più dove fare rotonde per piazzarli).

"Voleva che il suo giorno più bello fosse perfetto come nelle soap opera, diranno i maligni. Perché l'apparire è importante per l'anchorwoman di Tv Parma Francesca Strozzi. Talmente importante da trasformare il suo matrimonio con l'industriale Davide Anzani in un set cinematografico in cui lo scambio degli anelli non è altro che una messinscena funzionale alla presenza di Pietro Vignali, il sindaco di Parma elegante e perfetto come il Ridge di Beautiful. La villa del Ferlaro dove ieri si sono replicate le videonozze "dell'estate", come le ha definite il generoso sito di Repubblica in salsa parmigiana, si trova infatti nel Comune di Collecchio e il rito civile avrebbe potuto essere officiato soltanto dal sindaco locale, Giuseppe Romanini, o dai suoi consiglieri comunali. Ma lei voleva Pietro. E poi, un "paesano" in un ruolo così importante avrebbe contaminato il Jet set della Parma bene. Che fare? Semplice. E' bastato celebrare preventivamente le nozze vere nel Comune di Parma, dove Vignali ha potuto vergare i documenti di suo pugno, e ripeterle ieri in forma sontuosa e ufficiale in una cornice bucolica circondata da 130 invitati con pedigree, allietati da un quartetto d'archi e dalla voce di un soprano. Una sceneggiatura perfetta, completata da una Strozzi in abito bianco, con velo, strascico, paillettes e swarovski, ha anticipato la sposa con aria da Vip al sito parma.repubblica.it. Peccato per i fuochi d'artificio. Francesca avrebbe voluto pure quelli, ma quei cattivoni del Comune di Sala Baganza, competenti territorialmente sul parco del Ferlaro, le hanno negato l'autorizzazione. E i capelli? «Saranno raccolti - ha aggiunto nell'intervista - ma poi li sciolgo per Davide perché quando mi ha conosciuto a 16 anni li avevo sciolti e con la riga in mezzo e lui mi vuole così, semplice come allora». Già, come allora. I bagordi sono durati fino all'alba, quando gli sposi hanno salutato gli invitati con Gazzetta di Parma e cornetto. La festa è finita, gli amici se ne vanno."

Autore: fogliazza | Commenti 5 | Scrivi un commento

  05.08.2008 | 18:46
RETROPOLITANA
 
 

Autore: fogliazza | Commenti 2 | Scrivi un commento

   
Associazione
Culturale Tapirulan
via Platina 21
26034 Piadena (CR)
Italia
Tapirulan.it il portale degli artisti contemporanei

Webmasters: French+Coma
Redazione: Del, Dani, Foggio, French, Juan, Pigi, Silvio, Topus, Tauro, Ra, Vitto.
© Tutto il materiale presente su questo sito è protetto da copyright.