Sembra che quest’anno l’Argentina abbia conquistato il cuore della Pianura Padana: mentre Tapirulan si appresta ad accogliere la mostra di Guillermo Mordillo (dall’8 dicembre 2018 a Santa Maria della Pietà, Cremona), il Museo Diotti inaugurerà sabato 27 ottobre alle 17.30 una mostra dedicata a un altro grandissimo disegnatore argentino, Quino, e alla sua protagosnista più celebre, Mafalda. Dunque non poteva che nascere una collaborazione tra la nostra associazione e il Museo Diotti, per creare una sorta di percorso del sorriso che unirà i disegni di Mordillo e Quino, Cremona e Casalmaggiore.

A pochi chilometri di distanza si potranno visitare le opere di due tra i più grandi cartoonist contemporanei.

La mostra di Quino è incentrata soprattutto sulla straordinaria figura di Mafalda. Abbozzata nel 1963 per la pubblicità di una fabbrica di elettrodomestici che fortunatamente rifiutò il progetto, Mafalda iniziò la sua libera vita fumettistica nel 1964 quando la sua prima striscia uscì sul settimanale Primera Plana di Buenos Aires. Ebbe inizio così un successo editoriale che si diffuse, dapprima in tutti i paesi di lingua spagnola, e poi nel mondo accumulando negli anni milioni di copie vendute. In occasione del cinquantesimo anniversario della pubblicazione in Italia – datata 1968 – il Museo Diotti ha pensato di celebrare questa ricorrenza con una mostra, curata da Ivan Giovannucci, che si compone di 96 strisce realizzate tra il 1964 e il 1973. Le strisce di Mafalda esposte, per la prima volta in Italia, sono state ricavate dagli originali di Quino, in principio inaccessibili. Si tratta di facsimile di alta qualità ricavati dalla versione originale in spagnolo, accompagnati dalla corrispondente versione della striscia in italiano. A corredo della mostra: le sagome dei personaggi del fumetto, lo spazio video con la proiezione dei cartoni animati, l’atelier con laboratori per ragazzi da 8 a 13 anni, oggettistica ed edizioni rare.

La mostra rimarrà aperta fino al 27 gennaio 2019, aperta dal martedì al venerdì dalle 8 alle 13, il sabato e i giorni festivi dalle 15 alle 19. Tutte le informazioni dettagliate si possono trovare sul sito del Museo Diotti.

manifesto Mafalda

ORARI 
Da martedì a venerdì, 8.00-13.00; sabato e festivi, 15.00-19.00
chiuso lunedì, 25 dicembre e 1° gennaio
(possibilità di apertura in altri orari solo su prenotazione e per gruppi di almeno 15 persone)

BIGLIETTI
Intero: € 3,00
Ridotto: € 2,50 (minori di 25 e maggiori di 65 anni, gruppi di almeno 15 persone)
Gratuito: scolaresche; possessori della tessera annuale del Museo e dell’Abbonamento Musei Lombardia; soci ICOM e TCI; minori di 6 anni; giornalisti e guide turistiche; accompagnatori di gruppi di almeno 15 persone e di disabili
Visite guidate e laboratori per le scolaresche: € 4,00 per alunno, su prenotazione (gratuito docenti accompagnatori)
Cumulativo mostra Mordillo a Cremona (8 dicembre 2018 – 3 febbraio 2019): intero € 6,00; ridotto € 5,00

Il biglietto della mostra consente anche l’accesso alle collezioni permanenti del Museo Diotti.

← Le immagini della fantasia 36
Il caos della catalogazione →