Da oggi è online la nuova versione di Tapirulan. Un nuovo sito annunciato da tempi immemori e la cui uscita – puntualmente – veniva rimandata. Non si tratta semplicemente di un restyling grafico, ma questo cambiamento porta con sé anche delle novità dal punto di vista funzionale e, soprattutto, concettuale. Chi segue l’attività della nostra associazione dagli albori forse sa che Tapirulan era nato con l’idea di fornire una vetrina online agli artisti contemporanei: la prima versione del sito è datata 2003 (qualche mese prima che Tapirulan si formalizzasse in associazione) e al tempo non era così semplice per un autore riuscire ad avere una vetrina online. Dunque il concetto di quella prima esperienza cercava di dare una risposta a quella esigenza. Un autore (di illustrazioni, di disegni, di fotografie, di poesie, di canzoni, di racconti) poteva contattarci ed essere esposto sulle pagine del sito. In linea di massima si cercavano di accogliere le richieste di tutti, o quasi.

Con il passare del tempo si sono verificati e concatenati due accadimenti: il primo era l’impossibilità di stare al passo con tutte le richieste, il secondo il proliferare di occasioni per tutti i creativi di trovare facilmente una propria esposizione online. Già da diversi anni abbiamo interrotto la pubblicazione di nuovi autori su Tapirulan a causa dell’accadimento 1 sommato all’accadimento 2: non c’è certo bisogno di Tapirulan per trovare uno sbocco alla propria creatività, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra le decine di social e siti prefabbricati alla portata di tutti.

Tapirulan doveva dunque diventare qualcosa di diverso dall’idea originale ormai anacronistica. Certo, nei fatti l’attività online (praticamente esclusiva agli inizi) è da parecchio tempo che è stata soverchiata – in termini di rilevanza – da tutte le altre iniziative dell’associazione: le mostre, i concorsi, le pubblicazioni… Tuttavia non volevamo abbandonare del tutto l’idea primigenia della vetrina online. Una vetrina con dei criteri precisi però, ovvero quelli di approfondire la conoscenza degli autori che abbiamo premiato nei concorsi, quelli di cui abbiamo realizzato le mostre principali, e così via. Sarà un lavoro lungo che ora è solo all’inizio, ma riteniamo possa avere più coerenza con il lavoro che stiamo facendo negli ultimi anni.

Ecco allora questo nuovo sito, la cui genesi è stata faticosa quanto il cambio degli armadi.

Lo sapete, quando si fa il cambio degli armadi si fa anche un po’ di pulizia, e così è stato anche nel nostro caso: abbiamo eliminato la sezione “Arte” e la sezione “Musica” che ormai non avevano più senso, ma in compenso abbiamo migliorato (almeno ci pare) la sezione dedicata ai libri, nonché aggiunto lo shop. Insomma, di miglioramenti ce ne sono da fare ancora molti, ma speriamo di aver messo delle basi di partenza.

Ma i contenuti del vecchio sito che fine hanno fatto?

Non è stato semplice trovare il modo di farli convivere (dal punto di vista informatico) con quelli del sito nuovo, ma più o meno ci siamo riusciti (o meglio, ci è riuscito il nostro webmaster Paolo…). Può essere che qualche pagina sia saltata, ma gran parte del lavoro storico lo trovate qui: www.tapirulan.it/index2.php.

← L’ultimo viaggio di Tony Wolf
Nutturni, piraterie e allunaggi →