Ci perdonerete, si spera, la nostra immediata associazione tra il nome del Museo del Fumetto di Milano – WOW – e la celebre onomatopea che richiama stupore, entusiasmo o meraviglia, ma davvero non potevamo esimerci, perché WOW è esattamente ciò che abbiamo pronunciato quando il WOW, o meglio il suo direttore Luigi Bona, ci ha proposto di ospitare la mostra di Tony Wolf a Milano.

Un ulteriore riconoscimento della straordinaria grandezza del nostro concittadino Antonio Lupatelli, che milioni di bambini hanno conosciuto come Tony Wolf, qualcuno come Oda Taro, altri ancora – ma molto tempo fa – come l’Alpino o Antony Moore. O forse il nome non l’hanno conosciuto affatto, ma ne hanno solo ammirato le illustrazioni nei moltissimi libri pubblicati dagli anni ’60 ad oggi. Illustrazioni che fino a due anni fa non erano mai uscite dagli archivi editoriali, esposte per la prima volta nella mostra Ciao a Cremona grazie soprattutto alla disponibilità di Andrea Dami e Allegra Dami, al supporto di Anna Casalis e alla collaborazione di Giunti Editore e Lo Scarabeo editore.

Allestimento mostra Ciao con sezione speciale dedicata a Tony Wolf - Cremona

Allestimento mostra Ciao con sezione speciale dedicata a Tony Wolf – Cremona

Poi c’è stata la tappa a Genova Nervi, poi a Cividale del Friuli, ed ora a Milano, dove la mostra – Lupus in fabula – Nel mondo di Tony Wolf – verrà inaugurata sabato 5 ottobre alle 17. Le oltre 100 opere esposte si potranno vedere fino al 5 gennaio 2020 nelle sale delle mostre temporanee del WOW in viale Campania 12 a Milano. Per gli approfondimenti si può consultare la nostra pagina dedicata alla mostra o il sito del WOW.

← Le illustrazioni di Jean Jullien ai Graphic Days Torino
Due giorni con Elisa Talentino, tra pedali e pennelli →