Affiche è una mostra realizzata da Tapirulan nell’ambito della Notte dei Musei, con la collaborazione dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cremona e del quotidiano La Provincia. Quella di quest’anno è una “seconda edizione” perché l’iniziativa si è concretizzata nel 2012 a seguito del progetto Nowhere/Nowhere: a luglio furono le immagini di Shout le protagoniste di Affiche (qui le foto), ora invece è la volta di Olimpia Zagnoli. Affiche è una mostra atipica, allestita negli spazi che di norma vengono riservati alle affissioni pubblicitarie o ai manifesti elettorali. Una mostra che si estende su tutto il territorio cittadino di Cremona, attraverso un percorso di circa venti chilometri. Una mostra che si propone direttamente ai passanti, siano essi a piedi, in macchina o in bicicletta. Lo spazio espositivo è la città stessa. Una mostra che si può visitare passando davanti a un’opera per caso, oppure seguendo le indicazioni e il percorso della mappa che indica la disposizione delle opere. I più pigri potranno comunque ritrovare le immagini esposte (non tutte ma quasi…. questo è l’inconveniente della pigrizia) presso lo Spazio Tapirulan (via Voghera 1/a, Cremona).

L’inaugurazione della mostra, in realtà, è una sana biciclettata aperta a tutti, anche a chi viene da fuori Cremona perché grazie alla collaborazione del servizio di bike sharing del Comune di Cremona ci saranno a disposizione gratuitamente anche alcune bici (una trentina circa) per chi non è attrezzato. Insieme ad Olimpia si farà un giro con qualche tappa nei pressi delle sue immagini. Pochi minuti di sosta, uno sguardo alle affiche, un paio di domande per conoscere meglio Olimpia e si riparte. L’intero percorso della mostra è di 20 chilometri, ma durante la biciclettata se ne farà solo una parte con l’obiettivo di rientrare giusti giusti per l’aperitivo nella nostra tana. E se piove? Se piove vorrà dire che si farà prima l’aperitivo… E poi basta pioggia, dai! Tra i partecipanti alla biciclettata verrà estratto un fortunato vincitore di una delle affiche (di dimensioni 140×200 cm) e del catalogo della mostra.