«Guido Scarabottolo parla poco, comunica e disegna con pochi tratti essenziali, sobri, quasi afasici. Sono segni parsimoniosi e discreti. Pigri. Il suo silenzio si nutre di paesaggi sconfinati con radi cespugli affogati qua e là, con arboscelli e nuvole allungate. Uomini soli, in mezzo, persi nel silenzio della tavola, contornati da oggetti anch’essi appartati e silenziosi. Poche cose, e anch’esse sobrie. Un mondo intero che si agita sottovoce e sottotono, dove le poltrone si siedono su altre poltrone e le librerie si adagiano su seggioline dalle gambette fragili.»
[Andrea Rauch]

Guido Scarabottolo, classe 1947, è attivo da tempo come illustratore e grafico. Oggi è un artista assai noto non solo agli addetti ai lavori ma anche al grande pubblico grazie alle copertine delle edizioni Guanda e alle tavole pubblicate dalle principali testate giornalistiche nazionali: “Il Sole 24 ore” o “L’Internazionale” per citarne solo alcune.

La mostra, curata dall’Associazione Tapirulan in collaborazione con il Comune di Parma, raccoglie circa 70 opere, in gran parte disegnate per le copertine delle edizioni Guanda: «Quasi tutti i disegni di questa mostra sono nati da libri Guanda e anche l’immagine del catalogo è copiata da quelle (bellissime, secondo me) della Collana Clandestina (bellissimo anche il nome). Se Ugo Guandalini non avesse avuto questa passione e non avesse fondato – ottant’anni fa – la casa editrice, io probabilmente non sarei qui, chissà. Così mostrare il mio lavoro può servire un po’ a celebrare anche il suo.» [Guido Scarabottolo]

Organizzazione:
Associazione Tapirulan
Comune di Parma

Con il contributo di:
Unione Parmense degli industriali
Camera di Commercio di Parma
Media Partner:
Gazzetta di Parma