HOMEPAGE MUSICA> MUSICISTA> SIDERA     GLI ALTRI MUSICISTI
home arte fotografia fumetto musica poesia racconti illustrazione

Nome: 
SIDERA
Contatti:
sidera@sidera.info >>


Sito:

www.sidera.info

2righe

Discografia

Testi


Foto

::2 righe::

I Sidera raccontati da Davide Zanardi
Quando Massimiliano Navarra, cantante dei Sidera, si presenta sul palco, se ne resta immobile con le braccia lungo i fianchi, spiccica due parole se è tanto e squadra il pubblico in modo beffardo. Sembra l'antitesi della rockstar espansiva e piena di sé. Quando invece comincia a cantare, si capisce che tutta la sua intensità è racchiusa nella voce, in quell'alternare melodie soffuse e grida lancinanti, nel ricercare il sapore delle note attraverso l'intensità dei versi di canzoni che spesso si trasfigurano in vere e proprie poesie.
Anche i Sidera in fondo, rispecchiano la natura del proprio frontman. Sofferti, passionali, contraddittori, comunicativi ma solo per chi è capace di ascoltare.
I cinque di Settala(oltre a Massimiliano Navarra,Daniele Meanti chitarra solista, Giacomo Cavalli basso Paolo Montemartini batteria e Marco Morimanda chitarra ritmica) sono il gruppo rock per eccellenza, se con questo s'intende la capacità di liberare l'espressività concedendo poco o niente a compromessi di carattere sonoro.
Ecco perché i loro pezzi sono piccole gemme di valore, nelle quali lo spirito sonnacchioso e un po' maudit di Massimiliano si fonde con le chitarre "taglienti" di Daniele, all'insegna di un rock che quasi mai dà l'idea di assomigliare a qualcosa di conosciuto, pur non sfociando mai nello sperimentale.
Qua e là si ritrovano sfumature grunge (più Alice in Chains che Nirvana), ma le atmosfere e il tono generale delle canzoni sembra piuttosto rimandare all'impatto psichico di certe sonorità in voga negli anni 60' . Non è un caso che nel ricco bagaglio musicale di Daniele Meanti ci sia spazio non solo per Jeff Buckley e Pearl Jam, ma anche per Pink Floid e King Crimson. Ergo, i Sidera sono una band da gustarsi dal vivo. Se non altro perché nelle loro esibizioni si può correre il rischio d'immbattersi in una versione improvvisata di The End. Potere del passato. E delle lezioni rock prese dai maestri giusti.

TORNA ALL'INIZIO [2righe] [Discografia] [Testi] [Foto]

::Discografia::

POETA APATICO

1. Inverno [scarica mp3] [testo]
2. Lacrime di noi [testo]
3. L'ombra del giusto [testo]
4. Occhi chiusi [testo]
5. Poeta apatico [testo]
6. Rosso Asfalto [testo]

NB: per scaricare gli mp3 cliccare col tasto destro del mouse su [scarica mp3] e selezionare "salva oggetto con nome".

TORNA ALL'INIZIO [2righe] [Discografia] [Testi] [Foto]

::Testi::

INVERNO

Scivola , scivola , è difficile da prendere ,
fermala , fermala , è un attimo e si è persa già ,
chiediti cos'è che sei , e non dovertene pentire mai.

Mani che si avvicinano ma i cuori non capisco
restano in silenzio e pensano in bilico sul baratro
mani che non si accontentano
di mani che non lasceranno mai
in fondo anche tu lo sai
i sogni non tradiscono mai.

Mani che si sfiorano ai margini di un tavolo
disadorno e logoro
le immagini si battono
mani che si spezzano
nei giorni che mi spettano
ma in fondo anche tu lo sai
i sogni non tradiscono mai.

Mi alzai di scatto senza muovermi
così che alzarmi non finisse mai
forse anche adesso sono seduto lì
dove la pioggia mi somiglierà
non c'era suono che non fosse vento
sembrava luce mi veniva incontro
hai mai sentito il vero odore d'incenso pensai
cosa importa giunti a questo punto
tutti i miei giorni sono rimasti lì
dove la pioggia sono anch'io ormai .

Fu il freddo nel cielo e nei colori d'inverno
a riportare i miei occhi alla realtà
ma infondo tu lo sai non sono
i sogni che tradiscono noi .

LACRIME DI NOI

Lacrime di noi
Cadono come pioggia
mentre osservo la realtà
tendermi le braccia livide

tu che tempo hai?
Come passi i giorni
E adesso come stai?
Qui va tutto avanti si
Tutto bene quaggiù

Ma i ricordi non ti lasciano mai
Non è più possibile
i fantasmi non ti lasciano mai
ma la vita è da vivere semmai
senza guardarsi indietro troppo
solo dove vai
dove metti i piedi
dove poi li metterai
senza guardare mai giù

ma i ricordi non ti lasciano mai
non è cosi' facile
ma i fantasmi non ti lasciano mai
ma la vita è da vivere semmai
senza guardarsi indietro troppo
dimmelo se mai
vorresti tornare su i tuoi passi
io non piango mai
ma sento i pensieri come sassi ...

ricordo la luce del sole
l'odore dei campi
il rumore del fiume
la danza dei tuoi capelli
al canticchiar del vento
a volte è un ricordo sereno
altre mi squarcio da dentro e devo
uscire dalla mente
per non pensare a niente

ma tu che ne sai?
Tu che ne sai ...

Il sole si sbaglia sul conto dei fiori
Qualcuno risalta e qualcuno no

L'OMBRA DEL GIUSTO

Schegge mi colpiscono
Amabili frammenti di
Frasi che s'infrangono
Dolori appariscenti

Ma noi siamo ancora qui
Stiamo aspettando
L'ombra del giusto

Noi , stiamo aspettando da troppo tempo ormai

Niente baci è un assassino
Non ha voce quel bambino che era dentro me
Lui riposa , e non sente , lui non vuole ascoltare

Ma noi,
stiamo aspettando da troppo tempo ormai .

Limpida è l'immagine

Chiari sono i simboli

Macchi scure sulle mani quasi come stigmate
Segni inconfutabili di una generazione incontrollabile,
dedita all'eccesso per immagine
figli di un progresso avverso all'anima
In un mondo in un cappello indistruttibile
Uccidere un fratello è assai più facile
È indispensabile
È inammissibile ...

OCCHI CHIUSI

Occhi chiusi
Inattaccabili
Dal vento che muove il fiume frusta gli alberi
Passando per ipocrisia
Incomprensibile allusione

Chiamalo amore, tu
Chiamalo come vuoi
Non è dolore
È vuoto casomai
Chiamalo amore, tu
Chiamalo come vuoi
Buco nel cuore
E' pioggia e pioverà

I said you want a different kind of blue
I said you want a different kind of blue

Occhi chiusi
Inattaccabili
Dal vento che muove il fiume rompre gli argini

Passando per ipocrisia
Incomprensibile allusione

Chiamalo amore, tu
Chiamalo come vuoi
Non è dolore
È vuoto casomai
Chiamalo amore, tu
Chiamalo come vuoi
Non è dolore
E' pioggia e pioverà

I said you want a different kind of blue
I said you want a different kind of blue

I sogni che hai saranno sempre i tuoi anche se chiusi in una scatola di vetro sporco e legno grezzo
Nuvole si ingrassano di lacrime spiacenti per averti fatto perdere la strada che non hai
Nuvole si ingrassano di lacrime spiacenti per averti fatto perdere la strada che non hai avuto mai

POETA APATICO

Poeta apatico
Ricco di singhiozzi
Mangia il tuo pasto acido
Fatto di giudizi
Boccone poi boccone manda giù
L'ira del vento cauto e ladro

Fermando i pensieri
Su pezzi di carta
Strappandoli in fretta
Strappandoli in fretta ...

Poeta apatico
Ricco di singhiozzi
Mangia il tuo pasto acido
Fatto di giudizi
Boccone poi boccone
Manda giù
L'ira del vento cauto e ladro

Fermando i pensieri
Su pezzi di carta
Strappandoli in fretta
Strappandoli in fretta ...
Del sogno che resta

E sangue nelle tasche
mi inzuppa le parole
appeso per la testa
al petalo di un fiore
domani nella mischia
non stateci a guardare
non sarò esistito mai
non sarò esistito mai ...

ROSSO ASFALTO

Quest'auto non va abbastanza forte
Non tiene il tempo con la rabbia
Il fumo con l'aria calda mi brucia gli occhi
Ruote sulla mezzeria

Così stanco che mi addormenterei
Chi mi sveglierà'
Vedo lucciole corrermi in contro con gli occhi lucidi

Ora il tempo ha fermato gli occhi che la luce
Bruciato aveva già
Poche gocce di rugiada amara
La gente dirà
Abile non sono stato mai nel concepire che
Siamo fumo di una sigaretta
Agli occhi del re

Ma che sogno stupido
Non lasciate che io muoia qui
Ho creduto di essere nato
Era vero ma non era qui

Ora datemi i suoi occhi chiari
Che col tempo cancellarono imiei
Auto lente mi sorpassano
Giaccio spento sull'asfalto che
Già da tempo ride di noi ...
Ride di noi ...

TORNA ALL'INIZIO [2righe] [Discografia] [Testi] [Foto]

::Foto::

 
 

TORNA ALL'INIZIO [2righe] [Discografia] [Testi] [Foto]