Anche per quest’anno la fiera del libro di Bologna è finita… Come sempre è stato un appuntamento stimolante e irrinunciabile per gli amanti dell’illustrazione. Noi eravamo ospiti dell’Associazione illustratori, insieme a Federico Maggioni abbiamo presentato la nona edizione del concorso Calendario che – come principali novità – vede la collaborazione con l’Associazione Hamelin e deiMusei di Genova Nervi (che al momento ospitano la mostra Buffet). Per il regolamento completo (con tema, presidente di giuria e quant’altro ci vorrà ancora qualche settimana di pazienza…). C’è stato poi un piacevole faccia a faccia tra Alessandro Gottardo e Guido Scarabottolo, con i quali abbiamo presentato i loro ultimi cataloghi (Affiche e Sotto le copertine) e parlato assai piacevolmente del mestiere di illustratore, della sua evoluzione, financo entrando nei dettagli dei prezzi, dei tempi di realizzazione, dei clienti, degli agenti, degli editori… Un vero peccato che non ci sia una testimonianza video da mostrarvi, ci sono solo alcune foto.

Ma a Bologna non c’è solo la fiera, una volta chiusi gli stand si può emigrare in città e godersi le innumerevoli mostre, incontri, feste e chi ne ha più ne metta.

Purtroppo, per questioni di tempo, noi siamo riusciti a vedere solo alcune mostre, tutte particolarmente interessanti: allo Spazio Zoo Libretto postale – Animali in viaggio, organizzata da Vanvere e Le figure dei libri, esposizione di cartoline che si sono inviati bravissimi illustratori, davvero spassosa! (maggiori info qui).

Al Museo Archeologico la mostra Sottosopra. Voci contemporanee dell’illustrazione svedese, organizzata da Hamelin per celebrare la Svezia, paese ospite della cinquantesima edizione della Fiera.

E sparse per la città c’erano ancora le mostre dell’ultima edizione di Bilbolbul (quella di Lorenzo Mattotti, di Vittorio Giardino, di Henning Wagenbreth…).

Per ora è tutto, buona Pasqua!

← Settima edizione del concorso di poesia
Buffet si affaccia al mare di Nervi →