visita il nuovo sito di Tapirulan
Tapirelax
29.06.2006
IL PRIMO APPUNTAMENTO. CON ME
Autore: French

Preparatevi bene, non state uscendo per andare a prendere il pane, nÚ per buttare la spazzatura. State uscendo con me. Un'occasione speciale: vi ho concesso il mio tempo. E forse unica: potreste non desiderarne altro, del mio tempo.

Dicevo prepararsi bene, mi riferivo all'abbigliamento, all'estetica, al trucco. Fatevi una doccia tonificante, irrorando il corpo con alcune delle inutili creme che solete acquistare, quelle che vi dissanguano il portafoglio senza produrre effetti apprezzabili, per intenderci. Ma una donna senza creme, lozioni e unguenti sembra non potersi dire tale, quindi largo alla vostra femminilitÓ.

Pettinatevi accuratamente, tuttavia preferirei foste andate dalla parrucchiera per l'occasione. Il trucco deve essere impeccabile, preciso, senza eccessi, valorizzate al massimo i lineamenti di occhi e labbra. Per scegliere l'abbigliamento adeguato sono consapevole che avrete bisogno di molto tempo, ma questo non deve andare a detrimento della vostra assoluta puntualitÓ. Per agevolarvi, vi fornisco io qualche indicazione su come vestirvi: dovrete essere provocanti, procaci, impudiche. Seguendo tale indirizzo, selezionate dal vostro sconfinato guardaroba le vesti pi¨ efficaci all'uopo. Le scarpe, mi raccomando, con i tacchi alti, di norma le preferisco aperte ma insomma dipende dalla stagione, se Ŕ inverno non voglio che il vostro piedino soffra il freddo. Nel pomeriggio avrete comprato un nuovo completino intimo da sfoggiare quando, a fine serata, cadrete tra le mie braccia. Nero, semplice, sensuale. Insomma, ci siamo capiti, non presentatevi vestite da suore facendo strani (e sbagliati) calcoli sul fatto che si tratta del primo appuntamento: se mi metto questo sembra quello, se mi metto quello sembra questo, se mi metto questo e quello ho caldo, se non mi metto nÚ questo nÚ quello sono nuda, ecc.

Passate a prendermi in macchina. Quando siete sotto casa mia avvisatemi, dieci minuti, massimo venti, e scendo. Accoglietemi con un sorriso solare, fatemi capire quanto siete eccitate all'idea di vedermi (l'altro genere d'eccitazione magari lo vedremo pi¨ tardi). Se avrete fatto una meticolosa opera di allestimento corporeo, e il risultato mi aggrada, non lesiner˛ complimenti, non mancher˛ certamente di dirvi che vi trovo splendide, radiose, affascinanti. Vi mostrerete compiaciute, emozionate, le mie parole hanno fatto breccia nella porta (spalancata) del vostro cuore.

Siamo diretti verso un ristorante che conosco io quindi, tranquille, si mangia bene. Questo Ŕ un aspetto importante, soprattutto per me, che mi abbuffer˛ avidamente. Per voi meno, siete o non siete un'incantevole creatura che mi deve ammaliare? Dunque contenetevi. Senza mostrarvi astinenti, inappetenti, oltremodo sofistiche.

Non vi richiedo una conversazione brillante e coinvolgente, normalmente non ascolto, quindi fa poca differenza ci˛ di cui discorrete. L'importante Ŕ il tono, la voce, la melodia generata: se sento litanie lamentevoli, cicalii insopportabili, m'innervosisco e non riesco a pensare. Evitate anche banalitÓ assortite sul genere maschile, roba del tipo che siamo tutti uguali e tutti stronzi, o che avete sofferto molto per amore. ╚ vero che presto poca attenzione a ci˛ che dite, ma tal guisa d'insulsaggini s'insinuano sconvenientemente nelle orecchie. Potete farmi qualche domanda, poi mi ascolterete affascinata e incuriosita, con occhi ammiccanti. Spesso invento di sana pianta le risposte, ci˛ nondimeno, Ŕ buona norma non mettere in dubbio le mie affermazioni.

╚ giunta l'ora di pagare il conto, per cortesia non fingete di voler dividere o addirittura di voler pagare. Lo so, desiderate che paghi io, ma avete trovato il pollo sbagliato. Va beh, solo per questa volta, pago io... Quant'Ŕ? Cento euro in due! Senti, avresti venti euro da prestarmi?

Siamo ormai all'uscita del ristorante, ho programmato un dopocena romantico ma breve: una passeggiata di trenta metri dall'uscio del ristorante alla prima panchina disponibile. Dovete scusarmi ma ho mangiato come un cinghiale, sono sostanzialmente appesantito, ho un tasso alcolico considerevole, senza contare che il decoltÚ che giustamente palesate inizia ad avere un richiamo irresistibile. Dunque sediamoci, potr˛ ammirarvi in tutta la vostra beltÓ. A questo punto potete proporvi: avvicinatevi a pochi centimetri, fatemi una dichiarazione d'amore struggente e intensa, infine baciatemi. Siete delle tradizionaliste? ╚ l'uomo che deve fare tutto ci˛? E sia. Per˛ fornite indizi inconfutabili, non cervellotici, della vostra disponibilitÓ (che, peraltro, non Ŕ mai stata messa in discussione): prendermi la mano e appoggiarla sulla vostra coscia pu˛ essere un'idea eccellente.

Poco dopo mi riaccompagnate a casa, accettate l'invito a salire da me, un altro drink. Non giriamoci troppo intorno, Ŕ l'ora della passione sfrenata. Io a mala pena mi reggo in piedi, una delle due palpebre ha giÓ chiuso i battenti, l'altra Ŕ in forte difficoltÓ. Il divano reclama la mia attenzione, mi desidera, ricambiato. Mi seguite in quello che ritenete sarÓ il nostro talamo, lý tentate vanamente di rianimarmi, baciandomi, accarezzandomi, sussurrandomi parole infuocate, sono l'uomo della vostra vita, un amante eccezionale, questo dite, il mio fascino vi ha sedotte. Inesorabilmente, anche la seconda palpebra cede.

L'indomani, al risveglio, sono ancora sul divano. Solo. Mezzo nudo, dolorante. Che notte! Sento lividi un po' ovunque, gentilmente ve ne siete andate senza svegliarmi. Sono sicuro che ora, accendendo il telefonino, trover˛ un vostro messaggio. Ci sarÓ scritto qualcosa come: grazie per la splendida serata, sono stati momenti che non dimenticher˛ mai, sei una persona speciale, non vedo l'ora di rivederti...

FRENCH [french@tapirulan.it]

 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli

Commenti [11 commenti]

Proprio divertente.

Però preferirei assistere al tutto che prendervi parte...
Perch├â┬ę non sono una languida sirena, perch├â┬ę non sono procace e tutto il resto..., perch├â┬ę preferirei un po' di imprevisti e di incidenti di percorso: volevo mettere quella camicetta, ma accidenti ├â┬ę a lavare e poi piove, il campanello non funziona e infine proprio stasera quel ristorante ├â┬ę chiuso... etc.-etci!

Erika | 06.07.2006  17:43 

A proposito, un altro buon comportamento da tenere ├â┬Ę questo: incitarmi per tutta la partita, attendermi a bordo campo al termine della stessa, complimentarsi per la mia splendida prestazione, farmi qualche massaggio tonificante. Poi si va da me, e la serata si conclude pi├â┬╣ o meno come quella del ristorante...

French | 04.07.2006  13:33 

Sconfitta di cui tra l'altro ├â┬Ę stato il principale artefice, come evidenzier├â┬á l'articolo sportivo in uscita in mattinata sulle pagine di Tapirelax...

Del | 04.07.2006  08:44 

Fia French...si vede che sei ancora attapirato per la sconfitta calcistica di ieri sera...

Betty | 03.07.2006  16:51 

Detesto che si evidenzino le mie contraddizioni e che si metta in dubbio la coerenza totale dei miei ragionamenti... Betty, evidentemente, deve ancora imparare molto!

french | 03.07.2006  12:35 

Rispondo a Betty: dopo pochi bicchieri French ├â┬Ę assolutamente incapace di ogni forma di ragionamento speculativo, quindi vuol fare il brillante senza capire che avendo comprato un cd dei Sturmtroopers of Death poche ore prima della serata al ristorante non pu├â┬▓ permettersi di pagare per tutti e due. Cd orendo, naturalmente, e altrettanto naturalmente costato 20 euro.

Del | 03.07.2006  08:46 

emerge dalla melma della mia memoria un articolo pubblicato dalla vs. eminentissima redazione non molto tempo fa: "cose da evitare al primo appuntamento" di una certa, uhm... giorgia?
a meno che qualcosa non mi sfugga, le hai elencate tutte le cose da evitare. ma proprio tutte.
dovreste uscire insieme, voi due, una sera.
oppure giorgia potrebbe uscire con me. ma non credo le converrebbe: ho saputo fare ben di peggio ad un primo appuntamento. peggio di te e pure di andrea. eh, s├â┬Č. un giorno vi racconto...

UfJ | 30.06.2006  13:48 

Ma sei proprio egocentrico!!!!

Lady Bell | 30.06.2006  13:09 

C'├â┬Ę una cosa che mi sfugge. Ma se la tipa la porti in un ristorantino di tua fiducia, di cui quindi conosci usi, abitudini e prezzi...perch├â┬Ę alla fine ti mancano 20 Euro? Hai sforato il prezzo incrementando notevolmente la quantit├â┬á di vino ingurgitata o cosa?

Betty | 30.06.2006  10:55 

C'├â┬Ę chi pu├â┬▓ e chi non pu├â┬▓...

fratearrigo | 30.06.2006  07:42 

viva la sincerità!

fogliazza | 29.06.2006  22:49 

I commenti sono chiusi | Archivio articoli
 
Tapirelax | Articoli recenti
22.07.2013
Echi di celluloide - 23: "Dexter"
[Autore: Matteo Fontana]
30.04.2013
Io come te sono
[Autore: Zumba]
08.04.2013
Echi di celluloide - 22: ''The closer'', gliallo slapstick
[Autore: Matteo Fontana]
02.04.2013
La seconda linea
[Autore: A.marti]
25.03.2013
Music corner - 51: La band pi¨ media del mondo
[Autore: UfJ]
11.03.2013
Cin cin
[Autore: Mr. Orpo]
01.03.2013
Music corner - 50: Famosa rock band italiana. Tre lettere
[Autore: UfJ]
25.02.2013
Echi di celluloide - 21: ''The mentalist'', il fascino dei prestigiatori
[Autore: Matteo Fontana]
05.02.2013
La cittÓ degli angeli
[Autore: A.marti]
Archivio articoli
 
 

Associazione Culturale Tapirulan
C.F. 90006350194
P.I. 01521680197

Sede legale
Via Platina 21
26034 Piadena (CR)



Sede operativa
Corso XX Settembre 22
26100 Cremona



Webmaster
French+Coma

Contatti
info@tapirulan.it

Tapirulan su Facebook
Tapirulan su Twitter
Blog.Tapirulan.it

Privacy Policy
Area Privata